De Boer: «Inter, andremo lontano»

118
de boer bakhar
© foto www.imagephotoagency.it

Le dichiarazioni in conferenza stampa di Frank de Boer, tecnico dell’Inter, alla vigilia della gara interna con il Palermo

Frank de Boer, allenatore dell’Inter, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della gara con il Palermo, la prima a San Siro per l’olandese: «E’ importante dimostrare i nostri miglioramenti ogni settimana, i giocatori devono fare quello, devono dimostrare la voglia e l’orgoglio di giocare per una squadra come l’Inter. Dobbiamo muoverci di settimana in settimana, non siamo al top, ma dobbiamo lottare per i primi posti e sono convinto che quest’anno potremo tornare in Champions League ma abbiamo bisogno di tempo e anche i giocatori hanno bisogno di tempo e di condizione fisica hanno bisogno di assimilare i miei schemi e le mie idee. Joao Mario e Gabigol? Il primo può giocare in tutte le zone del centrocampo, il secondo può giocare in tutte le posizioni d’attacco ma dobbiamo pensare alla partita di domani e non alle altre cose».

LA CONFERENZA STAMPA – Prosegue de Boer: «La partita è importante e bisogna dare dei segnali positivi. Voglio vedere dei giocatori che diano il 100% per questo club. I tifosi sono importanti e voglio che siano uniti perché l’aiuto del pubblico può essere molto importante. Un modulo per dare fiducia? Abbiamo una squadra esperta con giocatori che hanno giocato a livello nazionale e che hanno adottato diversi moduli nel corso della carriera. La differenza la fanno i dettagli. A Verona abbiamo giocato a volte a tre e a volte a 5 ma bisogna arrivare ad avere degli automatismi. Credo che la squadra sarà improntata sul 4-3-3 ma è chiaro che cambieremo e sarà l’allenatore a capire quale sarà il momento migliore per cambiare. Scetticismo? Questo può essere uno stimolo per me. Credo nell’Inter e sono convinto di poter arrivare al successo e per questo ho lasciato l’Ajax per venire qui. Mercato chiuso con Joao Mario e Gabigol? Vedremo quello che succederà. C’è una maniera diversa di preparare le partite, ci sono delle abitudini diverse ma sto cercando di trovare un punto di incontro, una soluzione. Io credo ci siano già stati dei miglioramenti ma bisogna fare attenzione con ogni giocare in questo momento, diamo dei programmi a loro, soprattutto a chi non ha giocato che devono seguire non solo in allenamento e spero di poter raggiungere, nelle prossime 4 settimane, una condizione fisica importante».

SEMPRE DE BOER – Continua l’allenatore dell’Inter: «Girone di Europa League? Credo sia un girone valido con delle squadre valide. Il Southampton ha fatto molto bene negli ultimi anni e non bisogna sottovalutarli. Lo Sparta Praga è una squadra con grande esperienza e difficile da battere. L’Hapoel è una buona squadra da rispettare che ha battuto l’Olympiacos. Terremoto in Italia? E’ un momento triste e voglio fare sentire la vicinanza a chi ha perso i propri cari e spero che la situazione migliori. L’Inter ha sempre avuto una squadra importante ma è anche vero che negli ultimi anni la situazione non sia stata semplice e spero che con me e con il mio staff la situazione possa migliorare. Abbiamo una buona squadra e sono contento della rosa che ho a mia disposizione. Nagatomo? Non sarà disponibile per domani ma non è un brutto infortunio. Mister Zhang e Thohir? E’ stato bello incontrare mister Zhang che ci ha dato il suo supporto e allo stesso modo ha fatto mister Thohir. Medel in difesa? E’ un giocatore abituato a giocare anche in difesa e mi ha dato la sua disponibilità. E’ un giocatore di qualità che ci dà altre opportunità».

Antonio Parrotto
Giornalista sportivo. Non vendo sogni ma solide news. E anche panini, birre e patatine.
Condividi
Articolo precedente
thiago maiaGabigol – Inter: tutto fatto. Ecco quando arriverà il brasiliano
Prossimo articolo
genoa biraschiIachini: «Dobbiamo lavorare, sto martellando la squadra»