Andrea Conti fa litigare Milan e Atalanta, poi torna la pace

conti
© foto Db Bergamo 18/02/2017 - campionato di calcio serie A / Atalanta-Crotone / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: esultanza gol Andrea Conti

Il terzino destro dell’Atalanta ha l’accordo con il Milan ma la Dea non ha gradito il comportamento dei rossoneri: è gelo per Andrea Conti, ma torna la pace – ore 12.30

Giorni caldi a Milano per il futuro di Andrea Conti, tra Atalanta e Milan. Nervi tesi negli ultimi giorni sull’asse tra gli orobici e l’entourage del terzino destro, che ha già raggiunto l’accordo col Milan sulla base di un quinquennale da 2 milioni netti a stagione: una notizia non presa benissimo dal presidente Percassi che ha ribadito con forza l’incredibilità di facciata di Conti e il fatto che il Milan debba prima parlarne con la società a cui appartiene il cartellino prima di presentare offerte direttamente ai calciatori. Una presa di posizione che fa parte del gioco, quasi a voler ribadire che il calciatore è comunque sotto contratto con l’Atalanta, con altri 4 anni di permanenza: i toni tra le parti si sono smorzati ieri pomeriggio, come riporta l’Eco di Bergamo, dopo un confronto chiarificatore tra l’agente Mario Giuffredi e l’Atalanta. Intanto il Diavolo potrebbe innalzare l’offerta cash all’Atalanta fino a 23 milioni di euro: e tra i calciatori passibili in caso di inserimento di contropartita tecnica spunta anche il nome di Gianluca Lapadula. 

Andrea Conti fa litigare Milan e Atalanta: ora è gelo – ore 7.30

Il Milan ha acquistato Ricardo Rodriguez che diventerà il titolare della fascia sinistra alternandosi con Antonelli. I rossoneri potrebbero cedere Abate e De Sciglio, puntando a destra su Calabria e su un volto nuovo: Andrea Conti. Il terzino destro classe 1994 dell’Atalanta è la prima scelta per il ruolo tanto che i rossoneri hanno già un’intesa con il giocatore sulla base di 2 milioni di euro. Manca però l’accordo con l’Atalanta che chiede 30 milioni di euro per il suo gioiello. Secondo “La Gazzetta dello Sport” i ‘conti’ non tornano ed è gelo tra le due società. I nerazzurri non hanno gradito il comportamento del Milan che ha scavalcato la dirigenza orobica andando a trattare direttamente con il giocatore, senza avvisare la Dea. La valutazione a 30 milioni di Percassi ha frenato il Diavolo Ma i club hanno in ballo Vido, Pessina, Felicioli e anche Lapadula. Ieri nessun contatto in Lega: il Milan non vuole forzare i tempi ma la sensazione è che l’affare si farà.

Condividi