Antonelli su Suso: «Può diventare un campione»

100
antonelli milan
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di Luca Antonelli, terzino del Milan, ha parlato del momento dei rossoneri e di alcuni dei suoi compagni di squadra

Luca Antonelli, terzino del Milan, ha parlato ai microfoni, affrontando diversi temi: «Il nostro gruppo? Siamo forti e chiunque viene chiamato in causa fa bene. La dimostrazione di questo è Lapadula che inizialmente è stato fuori ed ora ha segnato 3 reti in due partite. E’ questa la nostra forza. La partita della svolta? Sicuramente quel rigore parato da Donnarumma al 95esimo contro il Torino ci ha dato una spinta in più, ma la partita della svolta credo sia stata quella con la Juventus, vinta grazia al goal di Locatelli. Il derby? A fine partita eravamo molto dispiaciuti, perché pareggiare un derby all’ultimo secondo non è ma bello. Ad Empoli, però, abbiamo dimostrato di aver subito cancellato quegli ultimi minuti. Paletta rinato? Già l’anno scorso mi ero innamorato di lui e quest’anno si sta confermando come un grande difensore. Avevo già giocato con lui al Parma, lo conosco da tanto e sono contento per lui».
ANTONELLI CONTINUA«Suso? Già l’anno scorso aveva cominciato bene, poi aveva trovato poco spazio. Quest’anno già dalla prima amichevole estiva con il Bordeaux è partito alla grande, segnando due goal. Sta mantenendo un ritmo pazzesco. Se si può già definire un campione? Definiamolo come abbiamo sempre fatto finora: deve migliorare ancora tanto, ma di certo può diventare un grande calciatore. Se Lapadula ricorda Inzaghi? Nelle movenze sì, nella cattiveria e nella voglia di fare goal, credo che sia un calciatore unico. Pochissimo volte ho avuto un compagno di squadra così. Complimenti a lui perché dopo molta gavetta è arrivato nella squadra più importante al mondo. La convocazione in Nazionale dopo l’infortunio? La maglia azzurra è un sogno per tutti, avevo già ringraziato  il Ct per avermi convocato nonostante lo stop di un mese e mezzo. Sono molto grato a Ventura» queste le dichiarazioni del rossonero a Premium Sport.

 

Condividi