Inseguimento e incidente, arbitri confermano: «Avevamo già visto quei tizi al campo»

5
© foto www.imagephotoagency.it

Da Parma altro episodio da cancellare, il tecnico annuncia l’addio al calcio

Negli ultimi giorni a tenere banco in Italia è il caso che riguarda ciò che è accaduto dopo la sfida Promozione tra MedesaneseGotico Garibaldina. Al termine del match, l’arbitro e il guardalinee sono rimasti coninvolti in un incidente stradale, e come confermato da la Gazzetta di Parma il tutto sarebbe stato provocato da un inseguimento. Lo scontro frontale ha provocato tre feriti, e in queste ore a fare chiarezza è stata proprio la terna arbitrale ancora sotto shock.

LA TESTIMONIANZA – Ecco le dichiarazioni dei ragazzi: «Ci hanno inseguiti inveendo dalle auto, prima di causare l’incidente. E’ vero che al termine della gara, al campo sportivo non è successo nulla, è iniziato infatti tutto nel parcheggio. C’erano due uomini che ci aspettavano, ognuno davanti ad un’auto. Non ero certo venissero verso di noi sino a che non siamo usciti dal paese, allora ho iniziato ad accelerare e, più acceleravo, più l’uomo alla guida della Fiat Stilo si avvicinava. Ad un tratto ha iniziato verso di noi, urlava e faceva gestacci. A quel punto ci siamo davvero spaventati e abbiamo cercato di scappare». E poi i dettagli dell’incidente.

EPISODIO ANALOGO – Non passa in secondo piano, però, il linaciaggio provocato in occasione di Atletico Parma- Ozzano United che ha portato ad una lunga squalifica per il tecnico Francesco Nicodemo. Lo stesso allenatore ha deciso di lasciare il calcio: «Io mi ritrovo con una frattura al setto nasale certificata da un referto medico e una squalifica. Mi sono dimesso, il calcio lo guarderò solo in televisione».

Condividi