Gagliardini: «Qui grazie al Gasp e all’Atalanta»

49
gagliardini atalanta
© foto www.imagephotoagency.it

Roberto Gagliardini è pronto a fare il suo esordio in Nazionale maggiore già nella partita di qualificazione in programma questa sera a Vaduz: troverà spazio nell’Italia di Ventura?

Tra le grandi sorprese della Nazionale italiana di Giampiero Ventura, Roberto Gagliardini, bergamasco doc, rappresenta un punto di svolta. Il giovane centrocampista, intervistato ai microfoni del sito web dell’Atalanta, ha rilasciato alcune dichiarazioni per commentare il tutto: «Devo dire grazie all’Atalanta e anche a Gasperini se sono qui. Dopo la convocazione ho ricevuto tante chiamate, su tutte mi hanno fatto piacere i complimenti del presidente Percassi e del mister. E io li ho ringraziati, perché molto merito è della società e dell’allenatore. C’è tanto di Gasperini in questa convocazione. Mi ha schierato col Napoli e da lì è partito tutto, un momento positivo sia a livello personale che di squadra che ora mi permette di realizzare questo mio sogno».
COME HO SCOPERTO LA CHIAMATA DELL’ITALIA DI VENTURA – Prosegue Gagliardini: «No, semmai lo considero un punto di partenza. Il cammino è ancora lungo, ce la metterò tutta per fare ancora bene e cercare di meritarmi altre opportunità». Infine, Gagliardini racconta come sia venuto a conoscenza della chiamata in Nazionale maggiore: «Avevo appena finito l’allenamento del mattino con l’U21, accendo il cellulare nello spogliatoio e il primo messaggio che leggo è quello di mio fratello che mi dice della Nazionale maggiore. Lì per lì non capivo, poi sono andato a controllare su internet e ho letto dell’infortunio di Marchisio. Allora mi sono reso conto che era tutto vero».

Condividi