Attentato di Manchester, al concerto anche figlie e moglie di Guardiola

manchester united
© foto www.imagephotoagency.it

L’attentato di Manchester ha scosso l’Inghilterra ieri sera, ridestando la paura del terrorismo in ogni angolo d’Europa. Al concerto anche figlie e moglie di Guardiola – 23 maggio, ore 14.55

Anche la moglie e la figlia di Pep Guardiola erano presenti ieri sera al concerto di Ariana Grande all’Arena di Manchester. Secondo il “Mundo Deportivo” Cristina Serra, la moglie dell’allenatore del City, e le due figlie della coppia Valentina e Maria erano al concerto. Come riferisce il quotidiano spagnolo le tre sono in stato di shock ma in perfette condizioni di salute.

Attentato di Manchester: le reazioni del mondo del calcio – 23 maggio, ore 11.25

 

Il concerto di Ariana Grande alla Manchester Arena si è trasformato in una notte di sangue, paura e morti. La mano del terrorismo torna a colpire, probabilmente con l’ausilio di una bomba piena di chiodi al suo interno. Si susseguono le breaking news da Manchester e non sono mancati i messaggi di cordoglio e vicinanza dal mondo del calcio, a cominciare proprio da Red Devils e City. «Noi siamo profondamente shockati dai terribili eventi della scorsa notte alla Manchester Arena. I nostri pensieri e le nostre preghiere vanno a tutte le persone colpite» si legge sull’account Twitter dello United.

Mentre sul sito dei blues si legge in una nota: «L’Etihad Stadium è stato usato come centro di supporto a seguito dei tragici eventi e la Polizia ha consigliato a tutti coloro che ne abbiamo bisogno di recarsi al Gate 11». Dunque, oltre al cordoglio, il City si è reso protagonista di un bel gesto di umanità, mettendo a disposizione l’impianto sportivo.

Continuano ad arrivare poi i tweet dei calciatori che militano o hanno militato in una delle due squadre di Manchester. Da Dzeko che twitta: «Il mio cuore e le preghiere sono rivolti a tutti coloro che sono stati coinvolti nella tragedia di Manchester!».

A Capitan Rooney: «Notizia devastante stamattina. Pensieri e preghiere per tutte le persone colpite». Pray for Manchester.

 

Condividi