Baccaglini: «Zamparini frainteso, il presidente del Palermo sono io!»

221
baccaglini
© foto Palermo Calcio

Scontro a mezzo stampa tra Paul Baccaglini e Maurizio Zamparini dopo Udinese – Palermo. L’ex presidente si altera con Lopez e contatta Ballardini, ma interviene il nuovo presidente…

Baccaglini: «Parole di Zamparini? Decontestualizzate» – 20 marzo, ore 16.42

Il presidente del Palermo, intervistato da Radio 24, ribadisce il suo ruolo in società: «Ho 33 anni, tanti tatuaggi e vengo dal mondo della televisione: so di non rappresentare il presidente medio. Le parole di Maurizio Zamparini sul mio conto sono state decontestualizzate. Ribadisco all’Italia intera che sono io il presidente del Palermo. Impatto con la nuova realtà? Ho capito che c’è tanta voglia di fare scandalo, di parlare di tutto tranne che di calcio».

Baccaglini: «Il presidente del Palermo sono io!». La nota di Zamparini – 20 marzo, ore 10.45

Di seguito il comunicato ufficiale di Maurizio Zamparini sul sito web del Palermo: «Sono veramente dispiaciuto per le notizie non vere riportate da alcuni Organi d’Informazione su miei presunti interventi nella decisione di gestione tecnica della squadra. Ribadisco che dal giorno dell’insediamento del presidente Baccaglini tutte le decisioni societarie sono demandate a lui e alla nuova proprietà e che, pertanto, tutte le illazioni su miei presunti interventi non sono vere. Unico mio rapporto personale rimane con il presidente Baccaglini nella mia funzione, se richiesto di volta in volta da lui, di consulente, consona alla mia età ed esperienza» conclude la nota ufficiale.

Baccaglini – Zamparini: «Il presidente del Palermo sono io!» 20 marzo, ore 10.10

Paul Baccaglini risponde per le rime a Maurizio Zamparini. E’ scontro tra i due ultimi presidenti del Palermo all’indomani della sconfitta 4-1 contro l’Udinese. Secondo quanto riportato dalla stampa locale, infatti, la pesante sconfitta della Dacia Arena ha fatto infuriare Zamparini, che ha immediatamente chiamato Ballardini e rischierebbe di esonerare Diego Lopez, rimproverandolo per il crollo nel secondo tempo e i troppi errori difensivi. Quando mancano ancora nove partite al termine del campionato, però, Paul Baccaglini non sembra pensarla allo stesso modo, come riportato da Repubblica: «Zamparini non può decidere di esonerare nessuno per il semplice fatto che il presidente sono io. E io ho riconfermato la mia fiducia a Lopez e, come già detto in sede di conferenza stampa di presentazione, andremo avanti con lui sino alla fine della stagione. Il presidente adesso sono io e decido io. Lopez resta anche se la prestazione di Udine non può certo lasciare soddisfatti e, anzi, merita un’approfondita disamina della situazione» le dichiarazioni del nuovo presidente in attesa del passaggio di consegne che puntualizza ciò al termine della partita. 

Condividi