Bologna, si vuole proseguire la tradizione “Celeste”

donadoni bologna
© foto www.imagephotoagency.it

In sede di calciomercato, il Bologna punta alcuni giocatori per rinforzarsi: i nomi buoni vengono da Terni e sono entrambi uruguayani

Ancora Uruguay, come ieri, più di ieri. Da Andreolo a Perez, da Fedullo a Ramirez. La terra Celeste è sempre stata – storicamente – un serbatoio prezioso per il mercato del Bologna. Doppio colpo in arrivo? Forse. La concorrenza è agguerrita, ma il Bologna ci prova. Secondo quanto riportato da “Il Corriere dello Sport”, il club rossoblù sta cercando di stringere per César Alejandro Falletti, 24 anni, centrocampista offensivo della Ternana. Rapido di pensiero, dotato di piede dolce e buon feeling con il gol (7 e 10 nelle ultime due stagioni con le «Fere»), Falletti giostra sia da trequartista che da seconda punta o esterno d’attacco nel tridente; e in questo senso le sue caratteristiche possono tornare molto utili a Donadoni, che lì davanti ha bisogno di un jolly capace di adattarsi in più ruoli. Falletti è in scadenza di contratto, il Bologna è pronto a vestirlo di rossoblù gratificandolo con un quadriennale.

IDENTIKIT – Con lui potrebbe arrivare anche Felipe Nicolàs Avenatti, 24 anni, mancino, centravanti classico, soluzione per il vice-Destro. Uruguaiano pure lui, cresciuto nel River Plate di Montevideo, 12 gol l’anno scorso (30 in tutto dal 2013), Avenatti è una punta ben strutturata, 196 centimetri per 86 kg., sa farsi valere in area di rigore, calcia con potenza ma senza difettare in precisione, nei movimenti può ricordare il primo Bobo Vieri, quello che – giovanissimo – in serie B spadroneggiava con Venezia e Ravenna.  Il fantasista e l’attaccante della Ternana sono seguiti da tempo da Bigon: l’Atalanta e il Verona provano a contrastare l’iniziativa dei rossoblù che però sono fiduciosi settimane e ora la chiusura della trattativa è davvero vicina. Pure Avenatti è in scadenza di contratto, ma su di lui c’è anche il Verona, con il ds Fusco che già da tempo è sulle sue tracce. Per il Bologna è dura, ma il club emiliano ci proverà.

Condividi