Bonucci al Milan? Montella pronto a varare una storica rivoluzione tattica

montella milan
© foto www.imagephotoagency.it

Calciomercato Milan: l’eventuale arrivo di Bonucci dalla Juve può comportare una rivoluzione tattica, con il passaggio alla difesa a tre, vera anomalia nella storia rossonera. Ma tutto dipende da Romagnoli, Biglia e Suso

Con il passare delle ore l’ipotesi che Leonardo Bonucci possa approdare al Milan diventa sempre più concreta. Il difensore centrale della Juve (pronto a tornare al lavoro dopo le vacanze) è il sogno della dirigenza rossonera, che nelle ultime ore sta lavorando per mettere a segno il vero grande colpo dell’estate. La prospettiva di vedere Bonucci al Milan può cambiare notevolmente gli scenari della squadra di Montella, che potrebbe sancire una vera e propria rivoluzione tattica. Sì, perché a questo punto il passaggio alla difesa a tre diventerebbe un’ipotesi sempre più concreta.

Quella della difesa a tre potrebbe rappresentare una svolta storica per il Milan, che nella storia recente non ha mai avuto allenatori che l’hanno proposta. E anche i grandi della storia rossonera, ovvero Sacchi, Capello e Ancelotti hanno sempre messo in campo i rossoneri con la difesa a quattro. L’arrivo di Bonucci può cambiare il gioco: il primo passaggio sarebbe affidato al centrale di difesa e non più al regista e ciò potrebbe anche compromettere l’arrivo di Biglia, visto che a centrocampo un giocatore con le caratteristiche dell’argentino diventerebbe superfluo.

Dove collocare Calhanoglu? Quante incognite per Montella

Lo schieramento a tre dietro sarebbe comunque vincolato dalla permanenza di Romagnoli (che può entrare nella trattativa con la Juve) che insieme a Musacchio e Bonucci può comporre la batteria dei titolari della difesa del Milan. A quel punto il centrocampo a cinque diventerebbe inevitabile, con l’avanzamento di Conti e Rodriguez larghi a destra e a sinistra. Kessie e Montolivo (o un altro rinforzo su cui stanno lavorando Fassone e Mirabelli) troverebbero spazio al centro, mentre resta l’incognita Calhanoglu, che può ricoprire il ruolo di trequartista oppure giocare da centrale di centrocampo.

In attacco, con il cambio di modulo, troverebbe sicuramente spazio André Silva, insieme ad un’altra punta di peso che potrebbe essere Aubameyang. Oppure con Suso, il vero cruccio di Montella: lo spagnolo può all’occorrenza fare la seconda punta, anche se il modulo adatto per il giocatore resta il 4-3-3. Ma il rinnovo che tarda ad arrivare e la definitiva rinuncia a Deulofeu è un segnale da non trascurare: il futuro del Milan, con Bonucci, può essere rappresentato dalla difesa a tre, una vera e propria anomalia per un Diavolo profondamente rivoluzionato.

Condividi