Bonucci-Ramos: sarebbe la difesa più forte di sempre?

bonucci barcellona-juventus
© foto www.imagephotoagency.it

Secondo alcuni media spagnoli il capitano del Real Madrid si sarebbe opposto all’arrivo di Leonardo Bonucci dalla Juventus

Ebbene sì, in Spagna la notizia fa eco: Sergio Ramos, storico capitano del Real Madrid vincitore di 3 delle ultime 4 edizioni della Champions League, avrebbe posto il veto all’acquisizione di Leonardo Bonucci, difensore della Juventus finito nelle mire di Florentino Perez e della sua dirigenza. Alla base, evidentemente, la non simpatia che lo spagnolo prova nei confronti del collega italiano, e/o la manifesta volontà di restare così come si è. Di confermare il blocco ultra-vincente degli ultimi anni senza procedere ad innesti ritenuti, da Ramos stesso, infruttiferi per la crescita della squadra.

Bonucci via dalla Juventus?

Come dimenticare l’oramai storica lite – peraltro accaduta in una partita praticamente nosense, contro il mediocre Palermo visto in questa stagione – tra Leonardo Bonucci e l’allenatore bianconero Massimiliano Allegri: episodio che divise il mondo Juventus, chi dalla parte del difensore che fa la differenza e chi da quella della guida tecnica che sta sopra tutto e tutti a prescindere. Per poi, come di solito accade da quelle parti, riunirlo in nome del bene collettivo. La crepa però è rimasta, tanto da indurre una fetta consistente di opinione ad ipotizzare l’imminente divorzio: uniti a braccetto fino al termine della stagione per centrare i massimi obiettivi interni ed internazionali, poi spazio per l’uno o l’altro. E se l’altro è rimasto al suo posto, ossia Max Allegri che ha appena rinnovato il legame contrattuale con la Juventus fino al 2021, la soluzione del rebus è di immediata lettura.

L’allarme social

Post su Facebook e tweet che si prestano a riflessione, quelli di Bonucci nei frangenti che hanno fatto seguito all’ennesima sconfitta rimediata in finale di Champions League. Su tutti un passo: resta però l’orgoglio di aver fatto parte di questo gruppo. Una frase che di per sé si presta ad interpretazione: il tempo del verbo è al passato, resta da stabilire se si riferisse semplicemente alla stagione bianconera appena terminata, con tanto di amarezza per l’ennesimo sogno di grandezza europea svanito sul più bello, o se abbia volutamente scelto di enfatizzare il tutto. Come ad anticipare quel che poi comunque si sarebbe verificato, come a togliersi da dosso il peso di una decisione sostanzialmente presa seppur sofferta, o semplicemente per delineare uno scenario tutt’altro che impossibile. Tenersi le porte aperte, tutte, anche quella del clamoroso addio al club a cui ha legato la fase migliore della sua carriera. Lì dove, per intenderci, è diventato Leonardo Bonucci.

Ramos-Bonucci, insieme i migliori di sempre?

Ipotizziamo per un attimo che la volontà del centrale bianconero sia effettivamente quella di lasciare Allegri e la Juventus per lanciarsi in una nuova esperienza, con ogni probabilità a carattere internazionale: il Real Madrid, complice anche l’addio di Pepe, sarebbe candidato oltremodo credibile. Club che da sempre sceglie i migliori su piazza e va a prenderseli senza troppi se e ma. E poniamo anche che il presunto diniego di Sergio Ramos non risponda al vero, o che comunque alla fin fine si convinca della bontà di un’operazione che porterebbe alla corte del Real Madrid uno dei migliori difensori del pianeta. Il verificarsi delle condizioni porterebbe al seguente scenario: coppia difensiva Ramos-Bonucci. Senza girarci intorno, ecco il quesito: sarebbe la migliore di sempre? Beh, proviamo a fare due somme: giocherebbero insieme quello che oggi è il difensore più potente e risolutivo in circolazione, a braccetto con il miglior interprete puro nella fase di impostazione delle prime battute della manovra. Uno disarmante per capacità di cogliere l’attimo decisivo, i gol siglati nelle finali di Champions League con l’Atletico Madrid soltanto il biglietto da visita più indicativo sopra una torta di tanti altri episodi del genere, l’altro capace come nessun altro di sostituirsi ai centrocampisti per sfruttare la qualità dei suoi fondamentali e garantire alla squadra un’ulteriore risorsa in cabina di regia. Non che poi, nel rispettivo punto a sfavore, siano così deboli: Ramos ha padronanza del pallone e dei tempi di gioco, Bonucci è un abile marcatore. Con ogni probabilità il Real Madrid degli alieni avrebbe, oltre alla collezione di prodigi offensivi alimentata nel tempo, griffato anche una delle coppie difensive più complete e totali di sempre. Tra il dire e il fare però, essenzialmente in casi complessi e controversi come questo, di mezzo c’è davvero un mare.

Condividi