Cagliari, Ceppitelli: «I gol subiti fanno male, serve lavorare»

28
convocati pescara - cagliari
© foto www.imagephotoagency.it

Tanti gol subito nelle ultime partite, dopo un ottimo inizio di campionato da 16 punti. Ne ha parlato Luca Ceppitelli, difensore del Cagliari, neo promosso dalla Serie B

Tanti gol subiti nelle ultime giornate di campionato ed inevitabili le critiche piovute sulla tenuta difensiva del Cagliari. Ne ha parlato uno dei protagonisti in negativo dello sfortunato periodo dei sardi, tornati in Serie A dopo un anno di purgatorio, Luca Ceppitelli. In un’intervista concessa al Corriere dello Sport, il difensore prova a stemperare la situazione: «I tanti gol presi danno sicuramente fastidio, ci pesano a livello mentale ma non dobbiamo abbatterci. Anzi, deve essere uno stimolo per lavorare di più. Esistono gli errori individuali, ma quando ci si trova in queste situazioni, così come quando tutto va bene, è una questione di squadra, non di singoli. L’unica medicina per uscirne è il lavoro».
VERSO IL PROSSIMO IMPEGNOLa truppa di Rastelli sarà la prima a scendere in campo sabato, alle ore 15 ospite del Chievo Verona. Ceppitelli avverte i suoi sulla forza dell’avversario: «Il Chievo fa della compattezza e dell’esperienza i suoi punti di forza. Per tornare a casa con un risultato positivo dobbiamo mettere in campo tutta la nostra qualità. Comunque se abbiamo 16 punti qualcosa di buono l’abbiamo fatta. Risento ancora di qualche piccolo fastidio però bisogna stringere i denti per dare una mano alla squadra e io lavoro costantemente per cercare di essere al meglio della condizione. Bruno Alves è un esempio per tutti ma colpisce che sia un giocatore completo. A 34 anni non ha avuto timore nel rimettersi in discussione e in allenamento non tralascia mai un dettaglio».

 

 

Condividi