Cagliari, ecco il nuovo stadio: si chiamerà Sardegna Arena – FOTO

Dessena legrottaglie cagliari
© foto www.imagephotoagency.it

In attesa del nuovo Sant’Elia, ecco la Sardegna Arena: il presidente del Cagliari Giulini ha posato il primo mattone. Le ultime e le dichiarazioni – 4 maggio, ore 9.25

Il Cagliari non è impegnato solo sul fronte caso Muntari, ma da ieri ha un motivo in più per gioire perché è stato posato il primo mattone dello stadio provvisorio. Il costo dell’impianto è dei otto milioni e mezzo di euro e vedrà impegnati tutti i giorni quasi centocinquanta operai. Empoli e Milan saranno gli ultimi appuntamenti al Sant’Elia oltre a un’amichevole il 1 giugno, poi dalla prossima stagione si passerà alla Sardegna Arena. Qualora non dovesse essere pronto per la prima giornata di campionato, il Cagliari giocherà “in casa” allo Stadio Olimpico di Torino e tornerà nella sua Sardegna solamente dopo la sosta per le nazionali. Il nuovo impianto servirà anche per le attività universitarie.

Cagliari, ecco lo stadio provvisorio: si chiamerà Sardegna Arena con 16 mila posti https://t.co/Rc2rcEonPC pic.twitter.com/ezsaLLRsyk

Nuovo stadio Cagliari: la Sardegna Arena

C’è fermento in casa Cagliari per i buoni risultati in questa stagione, ma soprattutto per i progetti che stanno emergendo. Il più importante è quello della ristrutturazione dello stadio Sant’Elia, attuale impianto che ospita le partite casalinghe dei rossoblu: a causa dei lavori, non sarà ovviamente agibile per la prossima stagione, e così la società ha deciso di costruirne uno nuovo a fianco, in attesa che la struttura sia di nuovo aperta al pubblico. Come annunciato dallo stesso presidente Giulini – che oggi pomeriggio ha posato il primo mattone – nel parcheggio del settore Distinti sorgerà la nuova casa del Casteddu, la Sardegna Arena. Questo il nome scelto per l’impianto, che potrà accogliere fino a un massimo di 16’000 spettatori. La vera novità sta nei tempi stimati per completare i lavori: «Grazie a tutti i comuni, tantissimi, che hanno offerto la loro ospitalità – ha dichiarato il patron rossoblu -. Saranno quattro mesi di intensi lavori, con 150 persone impegnate a lavorare nel cantiere, anche la notte, per cercare di inaugurare lo stadio alla prima di campionato. Sarebbe un miracolo, ma anche una vittoria importantissima per tutta l’Isola. Perciò abbiamo scelto il nome Sardegna Arena, per portare il nome di questa terra in Italia e un giorno, ce lo auguriamo, in Europa». Assieme a Giulini, presenti anche il Sindaco di Cagliari Massimo Zedda e il presidente della Regione Mario Passetti.

Condividi