Rastelli: «Siamo in emergenza. Su Borriello…»

74
© foto www.imagephotoagency.it

Verso Cagliari – Udinese: le parole alla vigilia del tecnico rossoblu Massimo Rastelli in conferenza stampa

Reduce dalla sconfitta col Chievo, il Cagliari è atteso domani dalla sfida contro l’Udinese di Luigi Delneri, valida per la 14^ giornata di Serie A. Il tecnico rossoblu Massimo Rastelli ha fatto il punto della situazione in conferenza stampa: «Pisacane è convocato, ha recuperato. Melchiorri ha avuto un po’ di febbre, è in lista ma vedremo domani se portarlo con noi. Integriamo l’organico con sei ragazzi della Primavera, siamo in piena emergenza. La partita di domani è importante come tutte, difficile per l’emergenza e per il valore dell’Udinese. La classifica dei bianconeri non rispecchia il loro valore, sarebbero da posizioni medio-alte ma evidentemente hanno avuto qualche problema. Con il cambio di allenatore hanno raddrizzato qualcosa. Dopo le ultime due gare abbiamo bisogno di tornare a fare punti, cercando di mettere da parte le difficoltà. C’eravamo quasi riusciti a Verona, ripartiamo da lì. Domani sarà importantissimo il risultato, qualunque sarà. Una vittoria ci darebbe uno sprint, ma non perdere è una priorità assoluta. Il regista? O si sposta basso Di Gennaro o ho un’altra alternativa, le ho provate e metteremo in campo quanto fatto in settimana. Borriello? Non è un corpo estraneo, non ci sono problemi di sorta – prosegue Rastelli – E’ un giocatore del Cagliari che è partito benissimo, è fisiologico che possa avere un momento di appannamento. Ma le mie scelte vanno anche al di là del rendimento in campo, lui ha giocato quasi sempre. A Milano è subentrato per scelta tattica, mentre a Verona con tante assenze e un gioco diverso è stato messo meno in condizione di essere il terminale offensivo. Forse in alcune partite, soprattutto esterne, serve qualcuno che faccia il lavoro sporco e poi Borriello riesce utile a gara in corso. Questo per dirvi che eventuali esclusioni non sono per forza bocciature, ma dipendono da tante cose. Borriello tiene tantissimo al Cagliari, invito i nostri tifosi domani a sostenerlo insieme a tutta la squadra. Farias a Verona mi è piaciuto, si è sacrificato tanto e ci ha dato imprevedibilità. Dopo la lunga assenza è stato meno determinante del Farias che conosciamo, ma mi auguro che lo rivedremo presto al top».

CONTINUA RASTELLI – Riporta Cagliarinews24.com: «Moduli? Ho sempre delle soluzioni alternative al nostro sistema base, poi è la partita che mi dirà se è il caso di mettere in atto cambiamenti. Sarà una gara diversa da quella di Verona dove giocavamo a specchio col Chievo. Giocheremo a calcio, le due squadre hanno buone qualità individuali: mai però mettere da parte lo spirito battagliero. Domani affronto uno dei decani degli allenatori italiani, ha lasciato un’impronta importante nel nostro calcio. Negli anni ’90 il suo calcio ha mostrato organizzazione, ho la curiosità di confrontarmi con lui. Da quando ha preso in mano l’Udinese questa ha ritrovato personalità. Sappiamo dove provare a pungere i bianconeri, anche se sappiamo che non sarà facile. Dovremo abbinare qualità e velocità. Mi aspetto una partita equilibrata, mi auguro che terremo attenzione ed equilibrio sempre al massimo. Poi gli episodi ci sono sempre, dobbiamo far sì che volgano a nostro favore. Finora abbiamo pareggiato poco, non abbiamo mezze misure: quando abbiamo incanalato la gara siamo riusciti a portarla a casa, mentre nei casi in cui siamo andati sotto non siamo stati capaci di risalire. Dobbiamo migliorare in questo, anche le gare che si avviano male possono portarti un punticino se hai la giusta reazione. Tanti ragazzi della Primavera si allenano con noi da tre settimane per immagazzinare i nostri principi, in questo periodo può capitare che qualcuno di loro possa servire per uno spezzone di partita. Qualcuno potrebbe anche giocare a Genova in Coppa Italia».

Condividi