Caner Erkin: «de Boer mi ha detto che non mi voleva»

114
de boer
© foto www.imagephotoagency.it

Caner Erkin scaricato dall’Inter dopo poche settimane. Il nuovo giocatore del Besiktas si è presentato parlando anche dei nerazzurri: «Ho scelto la squadra che mi voleva più di tutte»

Il suo addio all’Inter è passato quasi inosservato, ma Caner Erkin, finito ieri al Besiktas in prestito, era arrivato in nerazzurro solo ad inizio mercato. L’ex Fenerbahce, non accolto tra l’altro benissimo dai tifosi della sua nuova squadra proprio per i passati in maglia gialloblu, non rientrava nel progetto del nuovo allenatore Frank de Boer, a volerlo era stato infatti Roberto Mancini«Avevo degli obiettivi personali, per questo sono andato all’Inter – ha spiegato Erkin – . Poi c’è stata una discussione con de Boer dopo una sessione di allenamento: lui mi ha preso da parte e mi ha detto chiaramente che non mi voleva in squadra. Io sono uno che vuole giocare». Così, alla fine, ha detto addio, come annunciato.

MERCATO INTER, ERKIN: «PERCHÈ HO SCELTO IL BESIKTAS» – Caner spiega la scelta bianconera: «Avevo sul tavolo diverse offerte, ma sentivo che il Besiktas era la squadra che mi voleva più di tutte. Qui ci sono già stato quando avevo 14 anni, sono rimasto in prova una settimana. I tifosi del Besiktas sono molto caldi e la squadra lotta sempre per il vertice, poi vuole fare bene in Champions League, questo conta. La mia maglia? Ho scelto il numero 88».

Michele Ruotolo
Classe '88, capo-redattore e responsabile editoriale di Calcionews24. Spesso mi contraddico.
Condividi
Articolo precedente
calciomercato nizza balotelli liverpool napoliBalotelli al Nizza: i francesi lo hanno pagato zero euro
Prossimo articolo
Pisa, revocato l'utilizzo del Castellani di EmpoliGattuso rifiuta di tornare, il Pisa rischia l’esclusione