Calciomercato Lazio – Cafù: l’esterno ora è comunitario! La Roma…

285
lazio strakosha
© foto www.imagephotoagency.it

Calciomercato Lazio – Cafù: l’esterno brasiliano del Ludogorets diventa comunitario e può arrivare a gennaio, ma occhio alla concorrenza di Arsenal e Leicester City. In estate il giocatore fu molto vicino alla Roma

AGGIORNAMENTO 9 NOVEMBRE: CAFÚ DIVENTA COMUNITARIO – Ottima notizia in termini di mercato che arriva dalla Bulgaria per Cafù e per la Lazio: in questi giorni il giocatore brasiliano ha ottenuto il passaporto bulgaro. Essendo la Bulgaria da qualche anno all’interno della Comunità Europea, l’esterno d’attacco può ritenersi a tutti gli effetti un giocatore comunitario, dunque tesserabile per gennaio (la Lazio per quest’anno non aveva più slot liberi per extra-comunitari, avrebbe dovuto attendere giugno). Il valore del giocatore, attestato intorno ai 10 milioni di euro, però potrebbe crescere, riporta il Corriere dello Sport, visto che la concorrenza per Cafù potrebbe espandersi. Il brasiliano, che sta facendo molto bene in Champions League col Ludogorets, sarebbe seguito anche da Arsenal e Leicester City, oltre che da alcuni club russi. Retroscena curioso: in estate Cafù pare che fosse molto vicino alla Roma, i giallorossi offrivano per lui 8 milioni, ma il Ludogorets ne chiedeva 10…

LazioCafù: si continua a lavorare sotto traccia. I biancocelesti non hanno affatto mollato la presa per l’esterno offensivo, attualmente in forza ai bulgari del Ludogorets, all’anagrafe Jonathan Renato Barbosa. In vista di gennaio, quando Keita Baldé partirà per la Coppa d’Africa (ma potrebbe essere anche ceduto definitivamente), i biancoelesti provano ad imbastire nuovamente una trattativa, come già accaduto in estate. Di fatto la situazione di Cafù, racconta oggi Il Corriere dello Sport, non è semplicissima: l’80% del suo cartellino è del Ludogorets, ma la restante quota è invece di Doyen Sport, il fondo che già cura gli interessi di Felipe Anderson e con cui nel 2013 Claudio Lotito ebbe uno screzio (stava appunto per saltare l’affare che poi portò a Roma il brasiliano). Più che altro in questi mese Cafù si è messo in mostra a livello europeo in Champions League e l’affare si è complicato.

MERCATO LAZIO: IL RETROSCENA ESTIVO SU CAFÚ  In estate la Lazio aveva già un mezzo accordo sulla parola per Cafù: all’epoca il direttore sportivo Igli Tare, lavorando nel silenzio più assoluto, si era già accordo dell’attaccante ex San Paolo, pagato dai bulgari appena 2,2 milioni di euro. Il prezzo sparato dal Ludogorets però alla fine fece desistere la Lazio: 10 milioni di euro, cifra ritenuta all’epoca troppo alta, ma che nel mentre deve essere salita, se è vero come è vero che il brasiliano si è messo ancora di più in mostra. I biancocelesti non mollano la presa: in vista di gennaio Cafù resta un giocatore che piace…

Condividi