Romei: «Cassano? Io non c’entro, ora non se ne parli»

79
cassano sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria: intervista all’avvocato Romei, consigliere del presidente Ferrero. Dalla questione Cassano al mercato blucerchiato: «Abbiamo fatto plus-valenze, ma è normale. Adesso i conti sono a posto»

L’avvocato Antonio Romei a tutto tondo sulle questioni Sampdoria. Il consigliere personale e fidato del presidente Massimo Ferrero, di fatto un vero e proprio dirigente blucerchiato, ha parlato ieri lungamente nel corso di una intervista a Primocanale. Tra gli argomenti che non potevano non tenere banco, quello legato alla situazione di Antonio Cassano, messo fuori rosa e con cui proprio lo stesso Romei, mesi fa dopo un derby, ebbe una discussione. «La situazione è semplice: Cassano non è in lista e sarà così fino a gennaio – ha spiegato Romei – . La sua esclusione è stata una scelta della società e non ha influito la nostra lite. Ora direi che fino a gennaio, per rispetto di tutti, non se ne debba parlare».

MERCATO SAMPDORIA, ROMEI: «PLUS-VALENZE NORMALI» – Venendo alle questioni di mercato, Romei rivendica con orgoglio la decisione di fare cassa con la cessione di molti giocatori importanti per rinnovare la rosa: alla fine a guadagnarci è stato il bilancio. «Ora siamo a posto con i conti – dice l’avvocato – . È normale che le società facciano plus-valenze, se dovessimo sopravvivere solo con diritti tv o premi, andremmo poco lontano. Sulle nostre scelte c’è sempre pessimismo, ma abbiamo ottimi collaboratori che ci fanno fare giuste scelte di mercato». Romei infine attribuisce a Ferrero la decisione di scegliere Marco Giampaolo come allenatore in estate ed annuncia novità per quel che riguarda le infrastrutture, con la costruzione di Casa Samp e il rinnovamento dello stadio Ferraris.

Michele Ruotolo
Classe '88, capo-redattore e responsabile editoriale di Calcionews24. Spesso mi contraddico.
Condividi
Articolo precedente
nainggolan romaRoma, arriva Pallotta e si sbloccano i rinnovi
Prossimo articolo
aquilani biraghiAquilani: «Sedotto da Oddo. Joao Mario? Un grande»