Callejon: «In Nazionale grazie al Napoli e Benitez»

44
napoli callejon
© foto www.imagephotoagency.it

Callejon svela alcuni retroscena del suo passaggio al Napoli che, in fin dei conti, gli ha permesso di ritrovare la Nazionale Spagnola: «Higuain? Prima che andasse via…»

La ciliegina sulla torta della sua consacrazione al Napoli è arrivata ormai da qualche mese: Josè Callejon ha definitivamente riconquistato la Nazionale Spagnola. Il suo passaggio dal Real Madrid, costantemente all’ombra di Cristiano Ronaldo, all’ombra del Vesuvio è stato fondamentale come spiega l’esterno ai microfoni della trasmissione Onda Cero«Le cose ora stanno andando bene, sono in Nazionale e non mi posso lamentare. Sono a disposizione del mister anche se tutti vogliono giocare. Certo che lasciare la Spagna fu difficile, giocare nel Real Madrid è il sogno di tutti i calciatori ma mi serviva giocare di più ed è stata la scelta giusta. A prescindere dalle preferenze di Mourinho, all’epoca tecnico dei blancos, avevo già deciso di andare via per questo motivo. Ero contento della mia esperienza in ogni caso, ma anche l’arrivo di Ancelotti non mi fece cambiare idea»
IL PASSAGGIO AL NAPOLI – Tutto deciso quindi in quell’estate del 2013 quando sulla panchina azzurra si insedia Rafa Benitez. Il coach spagnolo non ci mise molto a convincere Callejon del progetto Napoli: «Benitez mi contattò quando ero in vacanza chiedendomi di seguirlo al Napoli, se fossi interessato al progetto che mi spiegò. Dissi subito di si e fu la scelta giusta. In Serie A c’è molta tattica, le squadre sono molto accorte e io sono maturato tanto da questo punto di vista. Higuain? Prima che andasse via si viveva un sogno con lui, poi è cambiato qualcosa complice il suo passaggio proprio alla Juve. I tifosi non hanno potuto accettarlo, sono molto legati alla loro maglia, ai calciatori nobili e onesti. Reina per me è il capo, siamo inseparabili, mi è sempre stato vicino sin dal primo giorno a Napoli.»

Condividi