Carlo Nervo: «Ingesson persona straordinaria. Una fortuna averlo avuto vicino»

6
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di Nervo dopo la scomparsa del suo ex compagno di squadra Klas Ingesson

Era uno di quelli che non mollava mai, Klas Ingesson, né in campo né fuori, ma purtroppo all’ età di 46 anni si è spento dopo una lunga battaglia contro un mieloma multiplo che lo aveva colpito nel 2009. Il gigante buono era una vecchia conoscenza del nostro calcio, poiché aveva militato nelle file di Bologna, Bari e Lecce e, proprio per questo, la redazione di Calcionews24.com ha contattato un ex compagno di squadra del giocatore svedese, Carlo Nervo.

Lei che ha condiviso per due anni lo spogliatoio assieme a Ingesson, che persona era?

«Era una persona straordinaria. Io ho avuto la fortuna di starci vicino in campo, stare assieme, di condividere vittorie e sconfitte. L’ unica cosa che posso dire è che una persona a 46 anni non se ne può andare cosi».

Ci può raccontare un aneddoto che si ricorda?

«C’è ne sono parecchi. Ricordo come teneva il tabacco, come fanno gli svedesi, e per questo lo prendevo in giro. Ricordo anche che dopo una partita ci ubriacammo, eravamo un gruppo molto unito. Questa era una persona che faceva parte di un gruppo e dava il cuore, sia come amico, sia come persona e come calciatore».

Condividi