Closing Milan, ritardi con autorizzazioni: cordata aiutata dalle banche?

300
berlusconi - closing milan
© foto www.imagephotoagency.it

Closing Milan: le ultimissime. La scadenza finale della trattativa non dovrebbe andare oltre la data del 3 dicembre

AGGIORNAMENTO 22 NOVEMBRE – Nuovi sviluppi sulla cessione del Milan. Il passaggio da Silvio Berlusconi alla cordata cinesi di Sino-Europe è stato, per l’ennesima volta, messo in discussione nelle ultime ore. Tardano infatti ad arrivare le autorizzazioni del governo cinese per l’espatrio dei 420 milioni di euro per l’acquisto del Milan. Le banche però potrebbero arrivare in soccorso della cordata, secondo La Gazzetta dello Sport, con i finanziamenti necessari per il closing del 13 dicembre.

AGGIORNAMENTO 21 NOVEMBRE – Cresce la suspence per il closing del Milan. Si segnala, stando a Il Corriere dello Sport, un evidente ritardo per le garanzie del governo cinese sui 420 milioni: potrebbero essere però superare da una fideiussione da parte delle banche europee. Per ora è solo una possibilità molto esigua ma se la situazione non dovesse concretizzarsi a dovere allora nel Milan potrebbe non cambiare nulla ai vertici societari. Il ritardo c’è ma potrebbe essere solo un problema passeggero, staremo a vedere nei prossimi giorni.

AGGIORNAMENTO ORE 21.21 – I punti di domanda legati al closing vengono spazzati via da Sino Europe con un tweet chiarificatore apparso sul proprio profilo: «Sino-Europe Sports”, conferma che il closing si farà in coincidenza con la riunione dell’assemblea degli azionisti del Milan, prevista per il 13 dicembre».

AGGIORNAMENTO 17 NOVEMBRE, PICCOLI INTOPPI – Non arrivano buone notizie per il Milan. Secondo “Il Corriere della Sera” il closing non è in dubbio, non ci sono allarmi ma ci sono dei piccoli intoppi che stanno complicando il tutto. Bisogna trasferire i 420 milioni di euro dalla Cina all’Italia e ci sono degli impedimenti burocratici. E’ corsa contro il tempo per ottenere le autorizzazioni dal governo di Pechino all’esportazione dei capitali. I cinesi però hanno in mente un piano B: se i soldi dovessero rimanere bloccati in Cina, arriveranno comunque attraverso un prestito di una o più banche europee. In Italia si continua a lavorare per l’assemblea dei soci che porterà al cambio di proprietà e dei vertici del club di via Aldo Rossi. Rimane la fiducia ma bisogna fare in fretta.

AGGIORNAMENTO 14 NOVEMBRE, IL COMUNICATO UFFICIALE – Pochi minuti fa il Milan ha diramato un comunicato ufficiale riguardante l’Assemblea dei soci, con il closing in programma o il 2 dicembre o il 13 dicembre: «Il Consiglio di Amministrazione di AC Milan, riunitosi in data odierna, ha deliberato su richiesta dell’azionista Fininvest S.p.A. di convocare l’Assemblea dei soci per il giorno 2 dicembre 2016, in prima convocazione e, occorrendo, per il giorno 13 dicembre 2016, in seconda convocazione. L’Assemblea sarà chiamata a deliberare, fra l’altro, in ordine alla composizione degli organi sociali, al fine di consentire alla stessa Fininvest S.p.A. di adempiere agli impegni presi con la stipula del contratto preliminare avente ad oggetto la cessione dell’intera partecipazione detenuta in AC Milan».

AGGIORNAMENTO 10 NOVEMBRE – Arrivano nuovi aggiornamenti riportati da Repubblica. E’ stato infatti stabilito l’ultimo atto per il passaggio di proprietà del Milan, con la firma del contratto e l’assemblea con nomina nuovo CdA in programma il 2 dicembre. La cessione da Berlusconi alla cordata cinese guidata dal fondo Sino Europe vedrà la cessione del 99,9% delle azioni del Milan da parte di Fininvest. Dunque non ci sarà una scissione tra le due cose, con Fassone che entrerà a far parte del CdA del Milan senza arrivare alle dimissioni dell’attuale ad rossonero Galliani.

Closing Milan: importanti novità in arrivo. Tutto lascia pensare che alla fine, questo ‘benedetto’ passaggio di consegne si farà! L’agenzia Reuters si è sbilanciata su una data che dovrebbe essere più certa rispetto ad altre (l’ultima in ordine cronologico prevista nella settimana del derby, 20 novembre), ovvero entro il 3 dicembre. Le parti faranno di tutto per chiudere l’affare entro il 20 novembre ma difficilmente arriverà l’annuncio per quella data.

LE ULTIMISSIME – I tempi sono dettati dal trasferimento dei soldi dalla Cina. Nel nuovo club ci saranno 3 consiglieri italiani e per questo motivo appare più probabile la data del 3 dicembre, comunque entro e non oltre la prima settimana di dicembre. Ufficialmente, comunque, il termine per il perfezionamento dell’operazione è fissato entro la fine dell’anno. In coincidenza con il viaggio in Cina dell’ad in pectore Marco Fassone. A Berlusconi verrà offerta la presidenza onoraria del Milan mentre non ci saranno liste degli investitori prima del closing. Attualmente è in corso una scrematura degli investitori interessati ad entrare in Sino Europe Sports: oltre ad Haixia Capital e Yonghong Li, ci saranno due o tre soggetti.

Condividi