Danilo vs Muriel e tanti altri: le grandi risse della Serie A – VIDEO

© foto www.imagephotoagency.it

Lo scontro fra Danilo e Muriel di Udinese-Sampdoria è solo l’ultima delle risse più accese nella storia della Serie A. Quando i difensori si arrabbiano sono dolori per tutti: ecco la carrellata degli scontri epici del calcio italiano

Quando i difensori si arrabbiano, soprattutto quelli particolarmente cattivi, sono dolori per tutti. Lo sa anche Luis Fernando Muriel, che ha pagato a sue spese la sguaiata esultanza sotto la curva dell’Udinese dopo aver trasformato il rigore che ha consentito alla Sampdoria di strappare un buon pareggio alla Dacia Arena. Il colombiano, che è stato per diversi anni di proprietà del club friulano, è stato fischiato per tutta la partita e questo trattamento, da parte dei suoi ex tifosi, non gli ha certo fatto piacere. Anzi, in risposta ai mugugni dei supporters bianconeri, ha voluto rispondere festeggiando in maniera provocatoria dopo essere tornato al gol. Peccato che lo abbia fatto davanti agli occhi anche del rude Danilo, capitano dell’Udinese che proprio non ha tollerato il comportamento di Muriel. Il brasiliano, per tutta risposta, gli ha messo le mani al collo e se non fosse stato fermato in tempo dai compagni e dagli avversari avrebbe potuto scatenarsi e regolare i conti in maniera decisamente più significativa. Per sua fortuna Muriel non ha riportato conseguenze, se non l’espulsione. Tanto che, nel tunnel degli spogliatoi, si è nuovamente attaccato con Danilo (che ha inevitabilmente ricevuto il cartellino rosso dopo la follia che gli ha fatto perdere il controllo), ma alla fine la rissa è stata sedata. L’episodio Danilo-Muriel ha ovviamente scatenato l’ilarità generale e su Twitter sono tanti i meme e le vignette ironiche sullo scontro di Udinese-Sampdoria. E tanti nostalgici hanno rievocato anche tanti scontri epici in Serie A, che non si è mai fatta mancare episodi rissosi come quello ammirato in Friuli. Riviviamoli, con una carrellata di video indimenticabili per gli amanti del calcio italiano.

STAM VS PARENTE – Fare arrabbiare Jaap Stam è quasi come una condanna. L’ex difensore di Lazio e Milan, oltre ad essere stato un grandissimo calciatore, si è fatto conoscere per i modi di fare intimidatori in campo. Il classico esempio di centrale rude, forte fisicamente e con la faccia da cattivo. Ed è storico l’episodio che risale al 2004, quando l’olandese affrontò a muso duro il giocatore dell’Ancona Pietro Parente, reo di essere entrato volontariamente sulla sua caviglia. Lo sguardo assassino e le mani al collo di Stam sono ben presto diventati un cult. Insomma, meglio non svegliare lo Stam che dorme…

MEXES VS MAURI – Altro giro, altra rissa. Quella fra Philippe Mexes e Stefano Mauri, in un Lazio-Milan del gennaio 2015, ha fatto parecchio clamore. Il centrocampista della Lazio, durante la gara, provocò più volte il difensore francese, con atteggiamenti che diedero all’occhio. Mexes sopporta, sopporta e sopporta ancora, ma alla fine perde completamente la testa e i freni inibitori volano via. Mani al collo e tentativo di strangolamento sedato con enorme fatica: espulsione inevitabile per Mexes, che mette nei guai il Milan di Inzaghi e per quel gesto rimedia una squalifica di cinque giornate. Inevitabile, vista la violenza del gesto nei confronti di Mauri.

IBRA VS ARONICA – Meno violento di Danilo, Stam e Mauri, ma non per questo particolarmente tenero nei confronti degli avversari che lo fanno arrabbiare. Il riferimento a Zlatan Ibrahimovic è evidente. L’ex centravanti del Milan, nascondendosi dietro Nocerino per non farsi beccare da Rizzoli, rifila uno schiaffone al difensore del Napoli Aronica nella sfida del 2012 a San Siro. Cartellino rosso inevitabile per Ibra, espulsione che probabilmente costò lo Scudetto ai rossoneri di Max Allegri. La Juve ringrazia ancora oggi lo svedese…

MORATA VS MANOLAS – Ovviamente, nell’episodio del 2014 che coinvolge Kostas Manolas e Alvaro Morata, i livelli di violenza sono decisamente meno accentuati. Ma quella fu la rissa che accese il caldissimo 3-2 di Juve-Roma, la gara che fece infuriare Rudi Garcia e i romanisti. I due vennero alle mani e si ritrovarono ad affrontare un testa contro testa che costò ad entrambi il cartellino rosso. Allegri, in quell’occasione, se la prese e non poco con il suo attaccante, che avrebbe potuto tranquillamente evitare il contatto con il difensore romanista. Non passerà comunque alla storia come la rissa più accesa nella storia della Serie A, ma di sicuro resta uno degli episodi più roventi degli ultimi anni.

Condividi