De Vrij, no al rinnovo con la Lazio: via in estate?

de vrij lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Il rifiuto di De Vrij alla proposta di rinnovo della Lazio produce due possibili scenari: cessione o scadenza naturale del contratto nel 2018

E’ arrivato il gran rifiuto di Stefan De Vrij alla Lazio. Un no secco, quello del difensore olandese alla proposta di rinnovo pervenuta dalla società biancocelesti nel bel mezzo della trattativa. L’edizione odierna del Corriere dello Sport ha raccontato il rifiuto di De Vrij alla proposta contrattuale della Lazio dopo una pausa di riflessione di qualche giorno che, tuttavia, non è servita ai fini di una riapertura del discorso nella trattativa per il rinnovo. Contatti, dunque, negativi che confermano la volontà di De Vrij, già manifestata in autunno, di cambiare aria al termine della stagione 2016/2017. Il no arrivato alla Lazio attraverso gli agenti della Seg cambia adesso gli scenari possibili: Lotito per il momento tiene duro e chiede 40 milioni di euro per il cartellino dell’olandese, mentre gli agenti son ben consci che a queste cifre non ci sarebbero offerte adeguate e a quel punto si attenderebbe la scadenza naturale del contratto per andare via a parametro zero.

De Vrij, no al rinnovo con la Lazio: via in estate? I possibili scenari

Sul futuro lontano da Roma sono tante le ipotesi circolate attorno a De Vrij. Fino a qualche settimana fa la Premier League era ritenuta la competizione ideale per le leve del centrale olandese, con l’interesse del Manchester United insieme a Chelsea ed Everton. Nelle ultime ore, complici le voci attorno al possibile mercato in uscita della Juventus con un nome di grido alla Bonucci, il profilo di De Vrij è stato accostato al radar mercato dei bianconeri per l’estate, senza trovare fin qui tuttavia grandi riscontri essendo ancora ad inizio sessione, così come altre big sono sulle sue tracce sopratutto in Serie A. Per la Lazio, dunque, due possibilità: venderlo durante questa finestra di trasferimenti oppure tenerlo un’altra stagione con il fardello della scadenza del contratto.

Condividi