Cagliari, Dessena: «Grazie tifosi, perdere 4-1 mi brucia»

57
convocati pescara - cagliari dessena
© foto www.imagephotoagency.it

Andrea Dossena, tornato alla piena efficienza fisica, racconta il suo entusiasmo di rigiocare in Serie A. Brucia però la pesante sconfitta subita dalla Lazio

Il brutto infortunio subito a Brescia in inverno è ormai solo un ricordo ma Andrea Dessena non può essere contento del suo pieno rientro in campo. Il motivo è la sconfitta patita per 4-1 all’Olimpico, contro la Lazio, ma soprattutto per i 9 gol subiti in pochi giorni considerando i 5 della Fiorentina al Sant’Elia. Il capitano del Cagliari tuttavia racconta la sua emozione, nonostante i minuti già giocati verso la fine dello scorso campionato di Serie B: «Ho spento il cervello e ho iniziato a correre e a correre. Avevo molta voglia di giocare, ho cercato di trasmettere il mio entusiasmo alla squadra. Fantastico sentire l’applauso dei tifosi, mi sono stati vicini durante questo lungo stop».

L’ANALISI DEL MATCH – Il commento sulla partita di ieri è invece di tutt’altri toni, anteponendo il bene della squadra al proprio ego. Questa l’analisi fornita in zona mista dal centrocampista: «Stasera abbiamo pagato a caro prezzo gli errori individuali, ma secondo me avremmo meritato di più. Sappiamo però che dobbiamo fare meglio, siamo una neo promossa l’obiettivo resta la salvezza: non va bene prendere 9 gol in 2 partite ma la colpa è di tutti, non solo della difesa, giochiamo in 11 e ci si difende in 11. Dobbiamo rimboccarci le maniche, anche se ad inizio campionato ci avrei messo la firma per avere ora 13 punti. Ripartiamo da lunedì: abbiamo in casa uno scontro diretto contro il Palermo».

Condividi