Di Canio attacca: «A Roma mentalità provinciale, si pensa solo ai derby…»

Paolo Di Canio
© foto www.imagephotoagency.it

Paolo Di Canio è intervenuto ancora, stavolta sia sulla Lazio che sulla Roma, attaccando la mancanza di mentalità delle squadre della Capitale

Paolo Di Canio, dopo le critiche rivolte all’attuale gestione societaria della Lazio, è tornato ad attaccare, stavolta sulla mentalità sbagliata delle compagini capitoline. Così, l’ex attaccante biancoceleste, fino a ieri impegnato nelle Star Sixes a Londra, ai microfoni de La Gazzetta dello Sport: «Il problema è che se pensi di essere il re di Roma e poi arrivi quinto, sesto o ottavo non potrai mai pensare di vincere qualcosa di importante perchè questo è un modo provinciale di pensare. La Capitale, i derby, sono cose importanti, ma se ti focalizzi sempre sulle disgrazie dell’altro sarai sempre un finto vincente. Questo capita sia alla Lazio che alla Roma da tanti anni, ed è un problema. Lo dicono tutti, lo sanno anche i tifosi. Alla Roma sapevano che non sarebbero arrivate stelle, con Monchi sui lavora così: è uno scopritore di talenti, anche non più giovanissimi che possono diventare dei campioni. Però a Roma si chiede sempre di più: i giallorossi sono arrivati secondi nell’ultimo campionato, soprattutto per questo è difficile pensare ad un progetto a lunga scadenza con giocatori giovani».

Condividi