El Shaarawy: «Juventus con una mentalità superiore»

54
el shaarawy
© foto www.imagephotoagency.it

Stephan El Shaarawy, attaccante della Roma, ha parlato del momento dei giallorossi dopo la sconfitta con l’Atalanta ma non solo. Le sue parole

Stephan El Shaarawy, attaccante della Roma, ha parlato a la “Domenica Sportiva” del momento del club giallorosso dopo la sconfitta di Bergamo con l’Atalanta che ha spinto la formazione di Spalletti a -7 dalla Juventus capolista: «La sconfitta non ci voleva perché potevamo mantenere i 4 punti di distacco dalla Juventus. Nel primo tempo abbiamo creato tanto, ma concretizzato poco e questo può cambiare le partite. La Juventus ha dimostrato di essere superiore per mentalità, noi dobbiamo migliorare perché quando abbassiamo la qualità manchiamo in qualcosa. La sfida a dicembre con la Juventus? Nel prossimo mese abbiamo tre gare con Lazio, Milan e Juventus dove dovremo cercare di ridurre le distanze, a iniziare dalla prossima partita con il Pescara».

LE DICHIARAZIONI DI EL SHAARAWY – Prosegue l’attaccante giallorosso: «I fumogeni in campo? Se fossi stato capitano avrei fatto come De Rossi: lui è andato dai tifosi per invitarli alla calma e penso che la cosa sia finita lì. In questi anni sono cambiato tanto grazie anche alla mia famiglia. Adesso sono in una realtà importante come quella della Roma, ho ancora tanto da lavorare e dovrò continuare a impegnarmi come ho fatto in passato. Milan? È stata una bella esperienza e difficile allo stesso tempo. Sono stato capocannoniere della Serie A  a soli 20 anni. Poi sono stato fuori 6 mesi e poi altri 4 mesi e questo mi ha condizionato moltissimo. A Monaco non è andata benissimo e ora alla Roma mi trovo bene perché qui hanno fiducia in me. Cali di tensione? Quando c’è un po’ più da battagliare manchiamo in qualcosa. Perché non sono un titolare? Abbiamo una rosa molto forte e il mister fa le sue scelte ma quando sono stato chiamato in causa ho sempre dato delle risposte. Lotta Champions? Il Milan è in crescita. Anche l’Inter è una grande squadra e penso che le milanesi non caleranno nel corso del campionato».

Condividi