Esclusiva – Cobolli Gigli: «No a Conte part-time. Sul mercato…»

12
© foto www.imagephotoagency.it

Ad agosto sapremo con ogni probabilità chi sarà il nuovo commissario tecnico della Nazionale e, dopo i nomi di Allegri, Guidolin, Mancini e Spalletti, se ne aggiunge uno nuovo, quello di Antonio Conte. Idea suggestiva ma ancora tutta da valutare, perché per l’ allenatore pugliese si prospetterebbe un incarico part-time sulla panchina azzurra, poichè continuerebbe comunque il suo matrimonio lavorativo con la Juventus. Noi della redazione di Calcionews24.com abbiamo chiesto un parere su questo e sul mercato della Vecchia Signora all’ ex presidente bianconero Giovanni Cobolli Gigli.

Antonio Conte, versione part-time, è il nuovo nome per il dopo Prandelli alla guida della nostra Nazionale. Secondo lei potrebbe essere la scelta giusta?

“Rispondo da tifoso juventino e dico di no, credo che non possa occuparsi di tutte e due le panchine“.

Parlando di Juve, per la prosimma stagione si stanno facendo vari nomi in sede di mercato, come quelli di Morata e Iturbe su tutti. Cosa ne pensa? 

“A mio avviso la Juventus dovrebbe cercare di sopperire alla mancanza di un’ ala destra. Nelle ultime due stagioni quel ruolo è stato ricoperto da Lichtsteiner, che non è una vera e propria ala d’ attacco. Con i soldi di una cessione si potrebbe andare poi a rinforzare anche la difesa“.

Pogba e Vidal sono richiesti da mezza Europa, chi tra i due potrebbe essere il sacrificato?

“Voglio rispondere in maniera cinica: il giocatore che dovrà essere sacrificato, a mio avviso, dovrà essere quello per il quale verrà presentata l’ offerta più alta. Si parla di 70 milioni per Pogba e se le cifre sono davvero quelle, credo che sia impensabile poter dire di no. Con quei soldi poi si avrebbero i fondi necessari per rinforzare tutta la squadra“.

Loris Cipollini

Condividi