Esonero De Zerbi, Faggiano: «Non parlo di altri allenatori»

468
palermo esonero de zerbi
© foto www.imagephotoagency.it

Esonero De Zerbi, è questo il tema del giorno in casa Palermo. I rosanero hanno perso ancora nel lunch match casalingo contro la Lazio ma pare che il tecnico non rischi

ESONERO DE ZERBI, AGGIORNAMENTO ORE 15.03 – Il direttore sportivo dei rosanero, Daniele Faggiano, ha voluto rassicurare ancora il tecnico, ai microfoni di Rai Sport nella marcia di avvicinamento alla sfida di Coppa Italia contro lo Spezia. Parlandone in questi termini: «Differenze tra De Zerbi e gli altri allenatori? Preferisco parlare del nostro tecnico. E’ meticoloso, lavora molto con il suo staff. Non meritiamo di vivere questa situazione negativa».

ESONERO DE ZERBI, AGGIORNAMENTO 30 NOVEMBRE – Roberto De Zerbi continua a non rischiare il posto al Palermo ma stasera affronterà un’altra partita piuttosto importante, quella di Coppa Italia con lo Spezia. Secondo Il Corriere dello Sport la Tim Cup potrebbe fungere da terapia per i rosanero, che con una vittoria potrebbero riprendere fiducia. L’uscita dalla coppa invece potrebbe portare a altri scenari ma per ora Zamparini vuole tenere De Zerbi.

ESONERO DE ZERBI, AGGIORNAMENTO 29 NOVEMBRE – Stando a La Gazzetta dello Sport ci sono dei motivi tecnici dietro la conferma di Roberto De Zerbi ma anche delle motivazioni prettamente economiche. Il Palermo non può permettersi troppe spese folli e infatti non può sostenere due ingaggi per due allenatori, e questo un primo punto. Il secondo riguarda una clausola all’interno del contratto di De Zerbi, al quale dovrebbero andare 500mila euro in caso di allontanamento. Logico pensare dunque che il Palermo non abbia voluto spendere soldi in più del dovuto.

AGGIORNAMENTO 11:20, ZAMPARINI CONFERMA DE ZERBI – Nessun esonero in arrivo per mister De Zerbi. Maurizio Zamparini, presidente del Palermo, dopo una notte di riflessione, ha deciso infatti di confermare il tecnico ex Foggia alla guida del club rosaonero. Il Palermo è stato costruito male, ammette Zamparini, e la colpa non è del tecnico. Inoltre il numero uno rosanero ammette l’arrivo imminente in società di nuovi soci. Questo il lungo comunicato apparso poco fa sul sito ufficiale del Palermo: «Onde evitare notizie non vere, pur in un momento estremamente difficile per i risultati estremamente negativi della squadra, dopo aver esaminato attentamente la prestazione di ieri con tanti difetti (record di sconfitte) e qualche nota positiva nella prestazione dei nostri giocatori, ho comunicato al nostro mister De Zerbi di voler continuare il lavoro con lui, anche se il percorso della salvezza sarà difficile. Certamente i motivi della situazione negativa vanno con serenità ricercati sia nella rosa costruita dalla società (uscita di Sorrentino, Vazquez, Lazaar, Gilardino, Maresca; entrata di Bruno Henrique, Aleesami, Sallai, Nestorovski, Diamanti, Embalo, Rajkovic, Gazzi), sia nella serie impressionante di infortuni (Trajkovski, Rajkovic, Gonzalez, Embalo, Balogh, Bentivegna) che hanno tolto uomini determinanti come difensori, sia nella messa in campo della squadra da parte dell’allenatore nuovo. Cercheremo con estrema determinazione di uscire da questa situazione insieme a De Zerbi, poiché credo che soluzioni diverse non porterebbero risultati più positivi. Ho comunicato, viste le notizie uscite sulla stampa odierna, questa mia volontà al nostro allenatore. Invito la squadra a credere nella salvezza: crederci sarà determinante, credendo io (anche dalle prestazioni) che questo organico e questo allenatore non siano da questa classifica. Comunque, anche con l’arrivo imminente di nuovi soci che porteranno nuovi capitali per la società, io resterò, anche se non come presidente, sino a che in un futuro non lontano torneremo in Europa».

ESONERO DE ZERBI, PARLA ZAMPARINI – «De Zerbi? La situazione purtroppo è drammatica, sto valutando alcune alternative». Poche ma eloquenti parole al “Giornale di Sicilia“. A proferirle è Maurizio Zamparini, presidente del Palermo. Il Palermo non sa più vincere e il rapporto tra De Zerbi e il numero uno rosanero sembra essere ormai ai minimi termini. Il presidente ha difeso la sua scelta a lungo ma la sconfitta interna con la Lazio, la settimana consecutiva per i siciliani, sta portando Zamparini a prendere drastiche decisioni. De Zerbi ha le ore contate sulla panchina del Palermo.

AGGIORNAMENTO 28 NOVEMBRE – Nonostante si sia parlato di Edy Reja e di Gianni De Biasi, il Palermo adesso dovrebbe finire a Davide Ballardini o a Eugenio Corini, con il primo favorito. Reja ha declinato l’offerta di Maurizio Zamparini, mentre De Biasi non se l’è sentita di assumere un doppio incarico (è anche ct dell’Albania), quindi secondo Tuttosport la rosa è ristretta. Ballardini è più avanti rispetto a Corini per sostituire de Zerbi, virtualmente esonerato: Zamparini incontrerà entrambi i pretendenti in Friuli ma l’ex Bologna e Cagliari potrebbe sedersi in panchina coi rosanero già per la prossima sfida di Coppa Italia.

Nei giorni del referendum, tocca anche a Zamparini votare: esonero De Zerbi sì o no? La bilancia pare protendere sempre più per la prima opzione, vista la situazione in classifica. 6 i punti collezionati in 14 incontri di campionato, 27 gol subiti e la sensazione di trovarsi sull’orlo di una crisi di nervi. Scontato, visto che la vittoria manca dal match di Coppa Italia contro il Bari disputata il 12 agosto, in campionato bisogna addirittura ritornare alla stagione 2015/2016 nello scontro diretto con l’Hellas Verona.
ESONERO DE ZERBI: SI VA VERSO UN NUOVO RIBALTONE IN PANCHINA – Zamparini ci ha abituati a innumerevoli esoneri nel corso della sua presidenza palermitana, le voci sulla cessione della società, stavolta, pare abbiano limato questa sua propensione. Nel frattempo il Palermo è penultimo in graduatoria ed è tenuto in vista soltanto dal bomber macedone Ilija Nestorovski a quota 7 gol.

Condividi