Ferrari, Sadiq, Floccari: il Bologna ricompone i pezzi

238
bologna
© foto www.imagephotoagency.it

Bologna: Donadoni ritrova Ferrari in difesa, per l’attacco Sadiq e Floccari scaldano i motori. Verdi possibile titolare come “falso nueve”

Domenica all’Olimpico arriva il Bologna di Donadoni a sfidare la Lazio di Simone Inzaghi. I rossoblu sono in emergenza soprattutto in avanti dove Destro sarà out per due settimane causa infortunio al soleo. Ci sono però dei ritorni importanti che potrebbero aiutare mister Donadoni almeno in corso d’opera. Come riporta il Corriere dello Sport il mister degli emiliani potrebbe schierare in campo Simone Verdi nel ruolo di falso nueve, il giocatore fino ad oggi ha giocato affianco a Destro ma in mancanza del numero 10 potrebbe essere impiegato in questo ruolo.

DUE RITORNI: FLOCCARI E SADIQ – Due ritorni importanti poi potrebbero essere più che utili: Sergio Floccari e Umar Sadiq, entrambi mai utilizzati in questa stagione causa infortunio. Il nigeriano è tornato in gruppo solo una settimana fa dopo l’infortunio alla caviglia rimediato nell’ultimo allenamento con la Roma a Trigoria, è giovane e può recuperare velocemente e in più durante le Olimpiadi si è fatto notare. Discorso medesimo per Sergio Floccari completamente ristabilito dopo l’infortunio, anche lui al soleo, è tornato tra i convocati un mese fa e domenica all’Olimpico potrebbe essere la sua occasione per tornare in campo, per di più contro la squadra che più ha segnato la sua carriera, quattro anni in biancoceleste conditi da 106 presenze, 31 gol e una Coppa Italia, quella storica contro la Roma.

ANCHE FERRARI: DIFESA OK – Per quanto riguarda la difesa anche qui Donadoni ritrova Alex Ferrari, precisamente 113 giorni dopo l’operazione al menisco che lo ha costretto a un lungo stop. Il difensore adesso è completamente ristabilito e può giocarsi la chance di partire titolare contro la Lazio vista la squalifica di Gastaldello, la condizione fisica non ottima di Torosidis e le prestazioni non eccelse di Oikonomou. L’anno scorso Delio Rossi lo considerava un titolare e anche con Donadoni era riuscito a ritagliarsi un suo spazio, adesso passato il momento buio è pronto per ri-iniziare da dove aveva interrotto.

Condividi