Di Francesco: «Zeman maestro, de Boer come Luis Enrique. Sul futuro…»

429
di francesco
© foto www.imagephotoagency.it

Eusebio Di Francesco, allenatore del Sassuolo, ha raccontato il suo credo ma ha parlato anche del suo presente e del suo futuro

Eusebio Di Francesco si racconta ai microfoni di “Tiki Taka“, programma in onda su “Italia 1“. Il tecnico del Sassuolo ha parlato del suo passato, del presente e del futuro: «Io al Milan al posto di Montella? Io guido il Sassuolo e ho sempre pensato di rimanere qui. Mio figlio? Sono molto orgoglioso di lui e spero che con sacrificio e meritocrazia riesca a guadagnarsi una maglia da titolare a Bologna. Roma? Fa piacere ritrovare tanti amici, ma non è la prima volta che accade. Fa piacere affrontare la Roma: è una delle grandi squadre che non abbiamo mai battuto. Il mio mentore? Io penso a Magnanelli che interpreta in campo il mio pensiero, il mio modo di vedere e fare calcio. Zeman è stato importante dal punto di vista offensivo, ho imparato tanto da lui».

FUTURO E DE BOER – Prosegue Di Francesco: «Io in una big. Al Sassuolo sto bene e al momento questa piazza è l’ideale per me. Poi mai dire mai, senza ipocrisia la volontà di potersi migliorare c’è sempre. De Boer? Anche Luis Enrique veniva criticato a Roma. Bisogna aver equilibrio nei giudizi e soprattutto bisogna dare tempo. Arrivare ad agosto, a una settimana, dall’inizio di campionato, complica la possibilità di trasmettere la propria idea di calcio. Esonero di de Boer? Non è corretto rispondere a questa domanda, io gli darei la possibilità di lavorare».

Condividi