Inter, futuro Gabigol: ipotesi ritorno al Santos

409
gabigol - inter
© foto www.imagephotoagency.it

Calciomercato Inter: nerazzurri a lavoro per sfoltire la rosa. Oltre a Gabigol in partenza ci sono Biabiany, Jovetic, Santon e Felipe Melo

FUTURO GABIGOL, 29 NOVEMBRE – L’ultima voce sul futuro dell’attaccante brasiliano ha del clamoroso: secondo Lance!, ci sarebbe anche l’opzione di un ritorno al Santos. L’entourage del ragazzo avrebbe contattato la dirigenza del Peixe ma non sarebbe stata intavolata ancora nessuna trattativa. Lo stesso Wagner Ribeiro, agente di Gabigol, ha smentito le voci di un addio, aggiungendo che il suo assistito vuole scalare le gerarchie di Pioli.

FUTURO GABIGOL, 28 NOVEMBRE – Gabigol, quest’estate fu accolto come una rockstar, ma dopo pochi mesi trascorsi in neroazzurro ha assunto più le sembianze di un corista. Metafora musicale a parte, il futuro del brasiliano si deciderà a breve. Secondo La Gazzetta dello Sport, l’agente del giovanissimo attaccante sarebbe in Italia per affrontare la tematica sia con Stefano Pioli ma soprattutto con Piero Ausilio. Empoli e Pescara restano alla finestra per averlo in prestito secco, il procuratore starebbe, invece, pensando alla Liga spagnola.

L’Inter non pensa solo ai grandi colpi di mercato in vista del mercato estivo ma pensa anche a sfoltire la rosa per permettere a Stefano Pioli di lavorare con gli uomini giusti. Anche Frank de Boer si era lamentato di avere una rosa ampia e i dirigenti nerazzurri non vogliono commettere gli stessi errori del passato e per questo motivo, secondo “La Gazzetta dello Sport“, l’Inter è pronta a privarsi di ben 5 elementi.
IL MERCATO IN USCITA – Gli in­diziati sono Biabiany, Jovetic, Melo e Santon, fatto salvo che se dovesse arrivare un’offerta importante per qualcun altro, verrà valutata. Ma già liberarsi degli ingaggi del montenegrino e del brasiliano aiuterebbe la causa. Uno o due fra questi 4 potrebbe volare in Cina, allo Jiangsu Suning. Anche Gabigol è a rischio. Il brasiliano potrebbe essere ceduto, in prestito, per permettergli di giocare con maggiore continuità e di ambientarsi al meglio alla nostra Serie A.

Condividi