Galliani, fine di un’epoca: «Addio Milan, voglio fare l’ad»

167
© foto www.imagephotoagency.it

La fine di un’era, Adriano Galliani se ne andrà dal Milan. Nessuno di Sino Europe Sports lo ha contattato e non vuole un ruolo diverso da quello di ad: «Non voglio fare il consulente o il consigliere»

Adriano Galliani manda tanti saluti al Milan. Lui stesso ha ammesso di volersi dimettere qualora il nuovo gruppo che prenderà il Milan dovesse decidere di non tenerlo come amministratore delegato (molto difficile, c’è già Marco Fassone). Sempre Galliani ha ammesso: «Devo avere rispetto di me stesso e della mia carriera, non posso accettare alcun incarico diverso da quello di amministratore delegato. Non sarei disposto a un altro ruolo, ancora nessuno si è fatto avanti con me ma dopo trenta anni di Milan non accetterei un ruolo minimamente diverso da questo».

AD BLOCK – Per Galliani si pensa alla risoluzione del contratto in essere fino al 2019. «Ognuno ha il diritto di nominare il proprio amministratore delegato, ci mancherebbe. Con Fassone ho un buon rapporto, solo che non sono disposto a rimanere come consulente o consigliere. Ricoprirò con entusiasmo il mio incarico fino all’ultimo dei giorni in rossonero, ma dal momento del closing sarò libero. So che qualche tifoso vuole che rimanga ma questo non dipende da me» ha concluso Galliani, come riporta La Gazzetta dello Sport. Adesso bisogna solo capire dove sarà il suo futuro.

Condividi