Garcia: «La Roma? Ha mostrato poca classe»

57
garcia
© foto www.imagephotoagency.it

Rudi Garcia, nuovo tecnico del Marsiglia, ha parlato del  difficile rapporto con il presidente della sua ex squadra James Pallotta svelando alcuni retroscena molto interessanti

Dopo aver firmato il contratto che lo legherà al Marsiglia fino al 2019, Rudi Garcia ha voluto togliersi qualche sassolino dalle scarpe. Il francese, esonerato dalla panchina della Roma lo scorso gennaio,  è apparso critico nei confronti della società giallorosa e non si è risparmiato qualche frecciattina al presidente James Pallotta.

LE PAROLE DI GARCIA – Il neo allenatore marsigliese ha rilasciato interessanti dichiarazione a L’Equipe, parlando innanzitutto della risoluzione del contratto: «Mi aspettavo maggiore disponibilità da parte della Roma nel liberarmi dal mio contratto, ma invece non è stato facile. Avrebbero potuto mostrare più classe, pur di lasciare ho rinunciato a più del 50% di quello che mi avrebbero dovuto. La verità è che volevo tornare al lavoro e pensavo che la Roma fosse più propensa e veloce nel risolvere il contratto, vista la chiamata di un grande club».

QUALCOSA È ANDATO STORTO – Garcia ha poi voluto spiegare cosa è andato storto nella sua esperienza in giallorosso: «Sicuramente introdurre un nuovo personale atletico, voluto da Pallotta, è stato un grave errore. Meglio lavorare con persone che conosci e di cui ti fidi». Infine frecciatina diretta all’ex presidente:«È importante che il proprietario Mc Court viva in Francia, è cruciale che i giocatori lo vedano», cosa che a Roma accadeva molto raramente, vista la scarsa presenza di Pallotta in città.

 

»

Condividi