Genoa, Rincon: «Cartellini? Non siamo cattivi»

60
© foto www.imagephotoagency.it

E’ tempo di derby a Genova: Rincon è già carico a molla in vista del super match del Ferraris

Tomas Rincon è il leader emotivo del Genoa di Ivan Juric, una diga, ormai imprescindibile, in mezzo al campo. Il venezuelano non si nasconde di certo in questa lunga marcia di avvicinamento che porterà al match di domani alle 18.00. Il mediano ha detto la sua a Mediaset Premium: «Come si gioca un derby? Mettendo in campo tutto il cuore e il coraggio che si possiede. Senza, però, dimenticare di conservare i nervi saldi. L’obiettivo è evitare di beccare troppi cartellini, conservando, però, la nostra natura di squadra».

GRIDO DI BATTAGLIA – Tomas prosegue sulla stessa lunghezza d’onda delle dichiarazioni sopracitate, dichiarando: «Non siamo cattivi, bensì aggressivi: noi siamo il Genoa». Parole importanti, quasi doverose per un referente come lui, già mentalmente proiettato verso il Derby della Lanterna. L’aspetto mentale, certe volte, prevale, anticipandolo, quello fisico. Rincon è tornato a lavorare col gruppo da soli 2 giorni ma è come se non ne fosse mai uscito. Non toglierà il piede in nessun contrasto, provando a portare in campo le sensazioni dei tifosi sugli spalti. Cuore rossoblu del Grifone, pronto a battere forte in questi 90 minuti cruciali.

Condividi