Genoa, tifoseria spaccata sullo Scudetto del 1915

112
genoa luis alberto
© foto www.imagephotoagency.it

Gli esponenti del tifo organizzato del Genoa contro la richiesta d’assegnazione ex aequo con la Lazio del titolo del 1915

Da circa un anno tiene banco la questione legata all’assegnazione dello Scudetto del 1915. Il titolo in questione fu assegnato al Genoa ma soltanto d’ufficio poiché la finale con la Lazio non si giocò mai a causa dello scoppio della Prima Guerra Mondiale. A distanza di 100 anni l’avvocato Mignogna, giurista di fede laziale ha lanciato una petizione che ha avuto un seguito importantissimo in termini di adesioni con la finalità di ottenere da parte della FIGC l’assegnazione del titolo anche alla Lazio ponendo così rimedio ad un’ingiustizia che ha privato i biancocelesti del terzo titolo italiano della sua storia (che sarebbe stato il primo, senza dover attendere il 1974).
TIFOSI CONTRO BACCINI E LA FEDERAZIONE – Sulla vicenda si era espresso nei giorni scorsi anche il cantante genovese e grande tifoso del Genoa Francesco Baccini, il quale si era detto favorevole al riconoscimento dello Scudetto a pari merito coi capitolini. Come riporta il quotidiano Il Tempo i tifosi del Genoa non la pensano proprio come il musicista loro concittadino. Uno dei leader della Curva Nord genoana, Roberto Scotto, ha infatti scritto queste un velenoso commento sul proprio profilo Facebook: «Non so cosa pensare. Proprio alla vigilia di Lazio-Genoa rilasciare certe dichiarazioni, non mi sembrava il caso… Il Genoa semmai si difende! Mi dispiace che Francesco (Baccini ndr) non abbia più questo sacro fuoco, ma dire che la federazione abbia ragione ad assegnare uno Scudetto ex aequo, mi dispiace non è da Genoani». Nonostante le rimostranze dei sostenitori del grifone la macchina legale è già ben avviata: cinque saggi hanno presentato la relazione alla Federazione e le carte a quanto pare sono incontestabili. Per la decisione definitiva bisognerà adesso attendere che l’argomento venga messo all’ordine del giorno e che su esso delibero il Consiglio federale.

Condividi