Gualtieri: «Ecco perché ho lasciato il Crotone»

121
© foto www.imagephotoagency.it

I problemi di campo non bastano al Crotone, che adesso ha grane anche in società con l’addio del vice presidente Salvatore Gualtieri: «Ero di troppo»

Non è il miglior momento nella storia del Crotone e anche le dimissioni di Salvatore Gualtieri intaccano un ambiente già martoriato. Lo stesso Gualtieri ha cercato di spiegare le ragioni dell’addio: «Ho lasciato perché mi sono sentito estraneo nella società alla quale ho dato tutto e più di quanto potessi per venti anni e passa, ho messo in secondo piano qualsiasi cosa non fosse il Crotone. In molti casi ho gettato il cuore oltre l’ostacolo, sempre sostenuto dai sentimenti, ho creduto nelle persone e nella voglia di portare avanti progetti inizialmente impossibili».

PARLA GUALTIERI – «La mia passione è stata sempre incondizionata e non ho avuto altro interesse se non quello di mettere me stesso e le mie idee al servizio degli altri. Non mi ritrovavo più e non mi sentivo più utile al Crotone, per questo ho detto addio. Le mie idee non servivano più e mi sentivo di troppo, ho scelto seguendo ancora una volta quello che avevo dentro e che sono abituato a fare, per il rispetto della gente e dei tifosi che da sempre mi stimano» ha concluso Gualtieri. Sul web i commenti impazzano, i fan crotonesi volevano le dimissioni di Davide Nicola e sono dispiaciuti per quelle del vice presidente.

Condividi