Guardiola: «Mourinho? Nessun problema con lui»

52
raiola guardiola
© foto www.imagephotoagency.it

 

Domani alle 13.30 Manchester City e Manchester United si affronteranno allo Stadio Old Trafford: queste le parole di Pep Guardiola

Tra qualche anno se qualcuno dovesse scrivere un libro in cui si raccontato gli ultimi campionati spagnoli, di sicuro un capitolo sarà dedicato alle sfide tra Guardiola e Mourinho, due tra i migliori allenatori al mondo, che sedevano rispettivamente sulla panchina del Barcellona e del Real Madrid. Il destino, però, ha voluto che le loro sfide non si fermassero solo alla Spagna. Domani, infatti, a guidare Manchester City e Manchester United, in quello che è uno dei derby più sentiti del calcio, ci saranno ancora loro due: lo spagnolo sulla panchina dei Citizens, il portoghese su quella dei Red Devils. Una rivalità perfetta, nata già grazie alle loro origini: da un lato la Spagna, dall’altra il Portogallo. La sfida di domani si giocherà all’Old Trafford alle 13.30 e novanta minuti dopo sapremo chi sarà il vincitore del Derby di Manchester e chi quello della penisola iberica.

LE PAROLE DI PEP – Guardiola, allenatore del City, ha parlato quest’oggi nella solita conferenza stampa pre-gara: «Il mio rapporto con Mourinho? L’ho detto tante volte, ho molto rispetto per lui. Ho sempre cercato di imparare dai miei colleghi, e lo stesso ho fatto con lui. La nostra rivalità? E’ un qualcosa creata dai giornali, non possiamo farci nulla. Lui è stato un mio allenatore, era assistente di Sir Bobby Robson. Ammetto che gli ultimi match di Liga in cui ci siamo incontrati non sono stati semplici, ma adesso ci siamo già incontrati al meeting dei manager della Premier, ed è tutto risolto. Se m’invitasse a bere un bicchiere di vino, accetterei volentieri. Ibrahimovic? Ho tanto rispetto per quello che Zlatan sta dando al calcio. E’ uno dei migliori calciatori ed ha grande impatto quando arriva in un nuovo club. I buoni giocatori hanno sempre bisogno di tempo per ambientarsi in un nuovo campionato, i migliori lo fanno velocemente. Ibra è uno di questi».

 

 

Francesco Toscano
Francesco Toscano, o semplicemente "Tosky", del 1991, campano. Amante del calcio e di tutte le storie che lo circondano. Un solo sogno: "Kaizoku-ō ni ore wa naru!".
Condividi
Articolo precedente
pescaraPescara: tutti gli stipendi 2016/2017
Prossimo articolo
de rossi romaRoma: tutti gli stipendi 2016/2017