Guardiola, Toni: «A Brescia era già allenatore in campo»

59
Manchester City - Borussia Mönchengladbach
© foto www.imagephotoagency.it

Luca Toni ha rivissuto il rapporto con Guardiola, dall’esperienza col Brescia fino a quando lo spagnolo ha allenato il Bayern Monaco

Toni e Guardiola, un rapporto speciale. L’ex attaccante della Nazionale, oggi dirigente all’Hellas Verona, ha ripercorso il rapporto con l’allenatore spagnolo. Compagni nell’esperienza al Brescia, Toni lo ha ricordato così: «Era un giocatore fantastico e faceva già l’allenatore in campo – le parole rilasciate a La Gazzetta dello SportAveva un’umiltà spropositata, lui che era stato capitano del Barcellona. Si vedeva che amava il possesso palla, un’idea che ha portato avanti e che lo ha reso un vincente».

AL BAYERN MONACO – Quando Guardiola è arrivato sulla panchina dei bavaresi, Toni aveva lasciato il club da qualche anno. Una fortuna, a suo dire: «Meno male che sei arrivato qui ora, gli dicevo, con la storia del falso nueve sarei stato rovinato!». L’attuale dirigente ha poi scherzato su un futuro in Serie A dello spagnolo: «Dopo aver vinto in Spagna e Germania, ora è in Inghilterra e poi gli toccherà l’Italia: solo che dovrà ridursi lo stipendio o far vendere qualche monumento alla città in cui si deciderà ad andare...».

MANCHESTER – Domani c’è l’attesissimo derby di Manchester. Guardiola sfida Mourinho:  «Il City punterà sul possesso, Mourinho sarà subito più pratico – dice Toni – Con Mourinho ho solo fatto quattro chiacchiere, lo stimo perché lo stimano i suoi giocatori. Con Pep ho un rapporto confidenziale e ovviamente tiferò per lui».

Calcionews24
Un redattore di Calcionews24.
Condividi
Articolo precedente
di francescoDi Francesco: «Sassuolo – Pescara, lo 0-3 ha creato malumore»
Prossimo articolo
bacca milanMilan: tutti gli stipendi 2016/2017