Ibrahimovic: «Torre Eiffel? Mai vista, lì avrei voluto la mia statua»

27
ibrahimovic milan abate
© foto www.imagephotoagency.it

Zlatan Ibrahimovic torna a parlare dell’assurda richiesta di sostituire la Torre Eiffel con la sua statua

Le sue capacità sul terreno di gioco non le ha mai nascoste. L’umiltà e la figura di Zlatan Ibrahimovic, si sa, viaggiano su due binari paralleli, almeno per quanto riguarda l’Ibrahimovic pubblico. Sono numerosissime le frasi e gli aneddoti che l’attaccante svedese, ora al Manchester United, ha raccontato nel corso della sua brillante carriera. Una in particolare, però, è rimasta impressa. Forse perché recente, forse perché rispecchia appieno lo smisurato ego del ragazzone di Malmö. Nel corso della sua ultima stagione al Paris Saint-Germain, la scorsa, Ibra spiegò che l’unica cosa che avrebbe potuto trattenerlo a Parigi sarebbe stata la sostituzione della Tour Eiffel con una sua statua.
PARIGI E LA TORRE EIFFEL – A distanza di mesi dal marzo scorso, Zlatan ha ricordato la sua richiesta ai parigini: «Nel periodo in cui sono stato in Francia non sono mai stato a visitare la Torre Eiffel. Ho chiesto che la sostituissero con una mia statua ma non l’hanno fatto…», le sue parole al canale ufficiale del Manchester United.
ROMA E…IL COLOSSEO – Nell’aprile scorso anche un’italiana era stata coinvolta nel toto-squadra in cui sarebbe approdato Ibrahimovic, la Roma. Il motivo? Ibra, intervistato da L’Equipe, dopo la torre simbolo dell’esposizione universale del 1889 aveva ironicamente scomodato il Colosseo: «Sono stanco di Parigi e della Torre Eiffel, voglio andar via. So che molti club mi seguono. Mettiamola così, se mettono una mia statua al posto del Colosseo, vado alla Roma».

Condividi