Icardi: «Inter, nessuna pressione ma tanto orgoglio. Sogno Nazionale e Pallone d’Oro»

72
Icardi
© foto www.imagephotoagency.it

Mauro Icardi, attaccante dell’Inter, ha parlato della sua esperienza in nerazzurro, di Suning, della Nazionale, e di molto altro ancora. Le sue parole

Mauro Icardi, attaccante dell’Inter, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di “Tencents Sports“, parlando di numerosi argomenti. Queste le parole di Maurito: «Io capitano dell’Inter? Sono molto orgoglioso. L’Inter è il mio club e questa per me è una grande responsabilità. Cambio in società? Ci sono stati tanti cambiamenti. Suning ha iniziato a fare grandi investimenti nel nostro club e l’obiettivo è quello di riportare l’Inter nelle posizioni di vertice. Pioli? Ha voluto collaborare con noi sin dall’inizio. E’ un ottimo allenatore e ora vogliamo ripetere quanto di buono ha fatto nelle sue precedenti esperienze. Quando sono arrivato all’Inter c’erano i vari Zanetti, Palacio, Cambiasso e Milito che mi hanno dato una grossa mano. Con loro in squadra è stato molto più facile per me entrare in questo club».
LE DICHIARAZIONI – Prosegue Maurito Icardi: «La maglia numero 9? L’hanno indossata grandi campioni ma non ho avvertito mai alcuna pressione, semmai ho avuto sempre grandi motivazioni: essere il capitano e indossare la maglia numero 9 è un motivo di orgoglio. Pallone d’Oro? E’ il sogno di ogni calciatore ma ora ci sono tanti altri buoni giocatori che sognano di vincerlo. Nazionale? Resta un mio obiettivo. Non vengo chiamato da tre anni e devo continuare a lavorare sodo per la convocazione. Se ho rifiutato l’Italia? Molti anni fa mi hanno proposto di giocare nell’Under21 italiana ma io sono argentino. Ringrazio l’Italia ma mi sento argentino».

Condividi