Icardi-Napoli, la verità sulla trattativa

inter - atalanta
© foto www.imagephotoagency.it

La telenovela Icardi-Napoli ha caratterizzato l’estate 2016, il Capitano interista poteva essere l’erede di Higuain ma l’affare non si concretizzò

Icardi-Napoli è una di quelle storie d’amore terminate ancor prima di iniziare. Ulisse Savini, agente che fa parte dell’entourage che cura gli interessi del bomber argentino, ne ha parlato sulle frequenze di Radio Crc: «Mauro Icardi è stato davvero tanto vicino al trasferimento al Napoli. Dopo la tournèe negli Stati Uniti d’America, però, la società interista ci ha rassicurati. Va, inoltre, puntualizzato che l’Inter non aveva mai accettato le proposte del Napoli. L’ultimo rilancio sarebbe stato perfino pari a 70 milioni di euro per il cartellino del calciatore. Il futuro di Icardi all’Inter è stabile: ha una clausola, esclusivamente, valida per l’estero e incassare 100 milioni indurrebbe l’Inter a spenderne altrettanti per un attaccante dello stesso valore di Mauro. Dichiarò che, con mister Maurizio Sarri in panchina, sarebbe arrivato a segnare 40 gol? E’ la verità, lo dichiarò. Lui, così come lo stesso Keita Balde, segnerebbero molto: hanno caratteristiche diverse ma sarebbero adatti al gioco espresso dal tecnico dei partenopei». Il Napoli, dunque, si sarebbe spinto ad offrire 70 milioni per farne il nuovo Higuain, ma l’Inter non si è fatta attrarre dai milioni sonanti degli azzurri: è il mercato, signori.

Condividi