De Boer: «Critiche? Normale ma datemi tempo»

29
de boer
© foto www.imagephotoagency.it

La conferenza stampa di Frank de Boer, allenatore dell’Inter, alla vigilia dell’importante trasferta di Pescara in programma domani alle 20:45

Frank de Boer, allenatore dell’Inter, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della trasferta di Pescara: «Non abbiamo avuto molti giocatori in queste due settimane, ne ho avuti solo 7, e questo è il primo giorno in cui posso contare su tutti i giocatori per lavorare a livello tecnico ma è importante anche che alcuni giocatori abbiano giocato i 90 minuti per trovare la migliore condizione fisica. Io sono convinto che siano stati fatti passi in avanti dal punto di vista fisico e tecnico. Sono convinto che i punti arriveranno ma se si vince e non si gioca bene può essere un problema. Io credo che con il Palermo si siano viste cose positive e credo che si possa fare bene anche a Pescara. Joao Mario e Banega? Non voglio discutere del ruolo di Banega, tutti sono pronti per giocare ad eccezione di Andreolli e Ansaldi, Joao Mario è pronto per giocare dall’inizio. Joao Mario è un centrocampista completo, può giocare da esterno ma anche da mezzala, può giocare ovunque in mezzo al campo e sarà importante per l’Inter».

LO SCUDETTO E LE CRITICHE – «Il campionato è iniziato da due partite ma sotto certi punti di vista inizia domani. C’è tempo di migliorare perché per 2 settimane non abbiamo lavorato sotto l’aspetto tecnico ma quelli che sono rimasti qui hanno lavorato bene dal punto di vista fisico e ad esempio qui non abbiamo mai potuto giocare 11 vs 11. Brozovic e Joao Mario due centrocampisti box to box? Possono giocare insieme, entrambi possono fare bene, sono due giocatori importanti e lo dimostreranno. Critiche? Sono un nuovo allenatore straniero in questo campionato e ci sta che io abbia gli occhi addosso di tutti. Ci vuole però un po’ di tempo perché sono arrivato da poco e bisogna andare step by step. Io a rischio? Quando i risultati in un grande club non arrivano c’è sempre pressione ma per me non è un problema perché sono convinto che i successi arriveranno. Ci vuole tempo perché anche un grande club come l’Inter ha avuto difficoltà negli ultimi 4 anni e sono convinto che con il tempo l’Inter potrà lasciare il segno anche nel tempo. Se non siamo da Scudetto? Io ho questa squadra e ho molta fiducia nella mia squadra e non guardo a quello che è successo prima. Jovetic? Può essere importante e credo che stia facendo bene. Io ho fiducia in lui e voglio che sia pronto, come tutti i miei giocatori. Nagatomo? E’ pronto per il Pescara. Erkin? Non ho nulla da dire».

Antonio Parrotto
Giornalista sportivo. Non vendo sogni ma solide news. E anche panini, birre e patatine.
Condividi
Articolo precedente
bruno peres roma torinoRoma, Bruno Peres: «Samp forte, dobbiamo imporci»
Prossimo articolo
baldissoni-roma-agosto-2016-ifaRoma, Baldissoni: «Vogliamo un Olimpico senza barriere»