Eder fa autocritica: «Inter, i problemi durano da anni»

eder inter
© foto www.imagephotoagency.it

Altra sconfitta per l’Inter, ko 1-2 al Meazza contro il Sassuolo: nel post-partita, ai microfoni di Sky Sport, il centravanti nerazzurro Eder ha fatto il punto della situazione sul momento negativo

Quarta sconfitta consecutiva, 2 punti raccolti nelle ultime 8 partite: numeri horror per l’Inter al termine della sfida persa 1-2 col Sassuolo e dell’ennesima stagione disastrosa. Intervenuto ai microfoni di Sky Sport, Eder ha analizzato il momento negativo: «Anche noi ci facciamo delle domande su questo momento difficile: c’è poco da dire, parliamo di un’altra stagione negativa. Io sono arrivato l’anno scorso ed ho trovato le difficoltà di cui l’Inter soffre da 5-6 anni. La società ad inizio stagione ha chiesto la Champions ed ora ci ritroviamo a lottare per l’Europa League: c’è qualcosa che non va. Non è questione di stimoli, abbiamo iniziato la stagione tra molte difficoltà prima di fare una rincorsa incredibile. Nella gara contro la Sampdoria forse c’è stato scoraggiamento, abbiamo visto svanire il nostro obiettivo. Non si tratta di errori individuali, abbiamo fatto tutti male e siamo tutti sulla stessa barca. Chi si sente calciatore da Inter e vuole restare deve dirlo alla società, così come deve fare chi vuole andare via: la società, allo stesso modo, deve avere la personalità di parlare chiaro, così si crea un gruppo. Il mio futuro? Dipende dalla società e dal prossimo tecnico: se la società vuole che io resti, dovrà avere la personalità di dirmelo».

Condividi