Inter, Joao Mario: «Voglio vincere sempre»

36
joao mario
© foto www.imagephotoagency.it

Joao Mario si presenta all’Inter: queste le parole del calciatore portoghese in conferenza stampa

Joao Mario, nuovo acquisto dell’Inter, è stato presentato quest’oggi in conferenza stampa. Queste le parole del portoghese: «E’ un onore essere qui, ringrazio tutti per la fiducia. Per me è stato davvero emozionante giocare per la prima volta a San Siro. Il mio ruolo? Preferisco giocare come numero 8 e numero 10, ma allo Sporting ho giocato in tanti ruoli. Voglio fare il bene della squadra. Il numero di maglia? Ho scelto il 6 perché mi è sempre piaciuto, lo hanno indossato tanti grandi del passato. C’era la possibilità di continuare la mia avventura con lo Sporting, ma avevo voglia di confrontarmi con altre realtà. Quando si ha la possibilità di giocare con calciatori come Cristiano Ronaldo, automaticamente si matura e si acquisisce una mentalità vincente. Voglio vincere sempre, non voglio fermarmi».

JOAO MARIO CONTINUA «La sfida con la Juventus? Sarà una partita molto importante per tutti. Spero che la squadra riesca a fare bene. A volte è la favorita ad avere la meglio. Penso al nostro Portogallo: non eravamo i favoriti, eppure abbiamo vinto l’Europeo. Il mio arrivo qui? Ho incontrato Ausilio prima della competizione in Francia. Sono contento che la trattativa sia andata bene. Sapevo bene che i nerazzurri hanno sempre avuto una tradizione straordinaria, basta pensare agli uomini che hanno lavorato in questa società, come Mourinho e Figo. Il mio obiettivo? Voglio ripagare la fiducia di tutti. E’ normale che l’ambiente si aspetti molto da me, visto che la spesa è stata importante. Ho un contratto lungo e spero di poter fare del mio meglio. Questo è un periodo di adattamento, la cosa che conta per me è quella di dare un ottimo esempio, ancor prima di essere un leader»

 

 

 

Francesco Toscano
Francesco Toscano, o semplicemente "Tosky", del 1991, campano. Amante del calcio e di tutte le storie che lo circondano. Un solo sogno: "Kaizoku-ō ni ore wa naru!".
Condividi
Articolo precedente
ausilioInter, Ausilio: «Esonero de Boer? Stupidate»
Prossimo articolo
petrarchiTorino, Petrarchi: «Ecco come ho preso Hart»