Juve, le parole di Allegri fanno rumore: futuro con la Nazionale?

allegri
© foto www.imagephotoagency.it

Oltre ad aver provato a far chiarezza sul futuro alla Juve, Allegri nella conferenza stampa prima della sfida contro il Bologna ha parlato di come si vedrebbe fra i cinque anni: lo affascina soprattutto il ruolo di commissario tecnico

La frase è chiara, ma soltanto in parte. La certezza è che Massimiliano Allegri, dopo aver cercato di far chiarezza sulla prossima stagione alla guida della Juve, l’ha sparata grossa. Soprattutto per quanto riguarda il ruolo che avrà fra cinque anni. Perché, nella conferenza stampa prima della sfida contro il Bologna, il tecnico livornese si è espresso così sul futuro: «Una vaga idea di dove mi immagino fra cinque anni ce l’ho, ma non lo dico altrimenti scoppia un pandemonio. Sicuramente sarà una strada completamente diversa da questa». Virgolettato sibillino, che in queste ore sta scatenando la curiosità dei tifosi, che ora cercano di immaginare quali saranno le vesti di Allegri fra cinque anni. La sensazione è che il tecnico, oggi come oggi, in futuro si immagina lontano dalla quotidianità del club. L’allenatore della Juve non ha mai nascosto di vivere il calcio alla Guardiola. Allegri ha infatti sempre detto di essere vicino alle idee del tecnico del Manchester City, che ha più volte ribadito come al termine del contratto con i citizens potrebbe valutare la possibilità di smettere di allenare. Troppo lo stress vissuto con le grandi potenze internazionali, tale da ridurre drasticamente la carriera di un allenatore che oggi, ad altissimi livelli, fatica a rimanerci per più di un decennio.

UN RUOLO DA CT? – Ma Allegri, prima di abbandonare il calcio (che per lui non è mai stata un’ossessione), spera di poter vivere un periodo nelle vesti di commissario tecnico della Nazionale. Preferibilmente con l’Italia, ma è ancora prematuro per uscire allo scoperto. Proprio per questo motivo Allegri si è lasciato sfuggire qualcosa, ma non è andato fino in fondo. Per rispetto di una Juve che ha la finale di Champions League di Cardiff nel mirino e per non interferire sull’operato del ct Ventura. Ma l’obiettivo c’è ed è concreto: Allegri, fra cinque anni, si immagina alla guida di una nazionale, ambiente ideale per poter vivere il calcio con il giusto distacco.

Condividi