Allegri e il tabù spagnolo: «Qui non si vince da 20 anni»

64
allegri juventus
© foto www.imagephotoagency.it

Juventus: Allegri su venti precedenti contro formazioni spagnole ha trionfato solo tre volte. Il pareggio di ieri non soddisfa il tecnico: «Qui c’è troppa euforia, ma non si vince una Champions League da vent’anni»

Lo 0 a 0 contro il Siviglia di ieri sera è l’ennesimo risultato grigio nella brillante carriera da allenatore di Massimiliano Allegri contro formazioni spagnole. Il tecnico toscano, tra Milan e Juventus, da quando cioè ha debuttato in Europa come allenatore, su venti incontri contro formazioni della Liga ha rimediato soltanto tre vittorie (di cui una col Milan a San Siro contro il Barcellona) e la bellezza di nove sconfitte ed otto pareggi, compreso quello di ieri. Già l’anno scorso il Siviglia fu fatale per il primo posto nel girone della Juventus, ma l’anno prima ancora arrivò la sconfitta addirittura in finale di Champions League contro il Barcellona. Un ruolino di marcia pessimo, che forse evidenzia una mancanza contro formazioni di livello.

JUVENTUS, ALLEGRI: «QUI C’È TROPPA EUFORIA» – Che Allegri non abbia preso benissimo il pareggio di ieri è stato abbastanza evidente sin da subito del resto: la Juve giocava in casa ed era favorito, ci si aspettava forse di più. «C’è tempo per rimediare – ha sottolineato l’allenatore bianconero – . In Europa è sempre difficile vincere, ma qui c’è troppa euforia ed è da vent’anni che non si vince la Champions». Un modo come un altro per sottolineare come l’approccio mentale vada evidentemente modificato, nonostante la difesa del direttore generale Beppe Marotta, che ha sottolineato a fine gara il livello della rosa juventina, scansando così le polemiche per la decisione di Allegri di lasciare i big in panchina.

Michele Ruotolo
Classe '88, capo-redattore e responsabile editoriale di Calcionews24. Spesso mi contraddico.
Condividi
Articolo precedente
bonaventuraBonaventura si è smarrito, ma il Milan ci crede
Prossimo articolo
watfordIl M’Gladbach perde 4 a 0: «Col City non si è mai giocato»