Juventus, caccia all’esterno sinistro

2
© foto www.imagephotoagency.it

TORINO, 30 luglio – Vucinic e Lugano. Poi, forse, l’esterno sinistro tanto ambito: Vargas, Bastos, Perotti, Elia, i nomi che affollano la lista di Beppe Marotta. La Juventus di Antonio Conte comincia a definire la propria identità  ed a rendere più chiara la propria cifra tecnica. L’improvvisa e decisiva accelerazione di mercato di ieri, dopo lunghe settimane di caccia infruttuosa a giocatori inarrivabili (Aguero) o tatticamente poco comprensibili (Giuseppe Rossi), ha riportato i bianconeri in copertina e ora la squadra di Conte può pretendere una collocazione di vertice nella griglia di partenza del prossimo campionato, quello del riscatto atteso da quattordici milioni di tifosi della Signora.

L’IDEA – Il tecnico aspetta ancora l’ultimo colpo, quello appunto dell’esterno, per sapere se il suo 4-2-4 sarà  praticabile: di qui si capirà  se l’ex romanista sarà  la seconda punta ‘larga’ da affiancare a Matri con Quagliarella o Krasic nel ruolo analogo sull’altra fascia, formando così un 4-3-3; oppure se il montenegrino farà  l’esterno alto di centrocampo, omologo a Krasic, con due punte d’area vere, Quagliarella e Matri. Stesso discorso vale per il terzino sinistro: con il 4-2-4 Conte lo vuole più bloccato indietro e quindi rispunta l’ipotesi Chiellini (visto oltretutto che c’è abbondanza di centrali con l’arrivo dell’uruguagio), più difensore di Ziegler. Se invece arriva un esterno capace di ripiegare a tutto campo (Bastos, ma sta per rinnovare con il Lione), può convivere con lo svizzero. Il 4-3-3 avrebbe il vantaggio di consentire l’inserimento nel suo ruolo naturale a Marchisio, giocatore prezioso ma penalizzato dal 4-2-4: potrebbe lavorare al fianco di Pirlo, con Vidal dalla parte opposta. Ma non è un mistero che Conte prediliga il centrocampo con due centrali, per produrre una quantità  industriale di cross per le punte.

FRONTE CESSIONI – Una mano per l’acquisto dell’esterno può arrivare dagli esuberi, se accetteranno altre destinazioni e se, soprattutto, qualcuno li chiederà : Amauri piace al Genoa, ma Preziosi lo vorrebbe praticamente gratis, perchè con un anno del suo ingaggio (3,8 milioni) il presidente rossoblù comprerebbe un giocatore; Motta è stato riscattato per essere venduto, ma al momento non si vedono acquirenti all’orizzonte; stesso discorso per Grosso e Grygera, mentre Ekdal, Pasquato, Manninger e Almiron hanno discrete chance di mercato; il caso più difficile riguarda comunque Iaquinta, difficile da piazzare perchè ha un ingaggio alto (oltre 2,5 mln), si infortuna spessissimo e finora ha sempre rifiutato ogni destinazione. Al massimo, per quest’ultimo, si profila un prestito gratuito, con parte dell’ingaggio pagato dalla Juventus.

Fonte | Tuttosport

Redazione CalcioNews24
Dal 2009 il calcio che vuoi, quando vuoi.
Condividi
Articolo precedente
seedorf-applaude-milan-gennaio-2014-ifaMilan, su Finnbogason c’è anche il Villareal
Prossimo articolo
cn24Lazio, Matuzalem ha chiesto la cessione. Tre squadre sul brasiliano…