Juventus su Coulibaly del Pescara: si pensa ad un nuovo Pogba

coulibaly pescara
© foto www.imagephotoagency.it

Di Campli, agente del senegalese, lo presenta come «Tre Pogba messi insieme». Ma Sebastiani se lo tiene stretto e allontana le ipotesi

Si chiama Mamadou Coulibaly, non è quello del Napoli (quasi omonimo) ma, anzi, gioca nel Pescara. Eppure è lui uno dei nuovi obiettivi della Juventus: negli scorsi giorni ci sono stati degli incontri tra la dirigenza abruzzese e quella piemontese, in cui l’agente del giocatore Donato Di Campli lo ha presentato come «tre Pogba messi insieme» (in effetti le somiglianze sono molte) ad un estremamente impressionato Marotta. La trattativa sembra essere cosa concreta, grazie anche all’inserimento sul piatto del giovane Ganz (proprietà Juve) che alletta Zeman, ma il Presidente dei bianco-azzurri Sebastiani afferma «Coulibaly è un nostro giocatore e per adesso ce lo teniamo. Su Ganz siamo abbastanza avanti». E la Juve spera che non sia un’ altra beffa stile Verratti, sfumato all’epoca del Pescara (ed ora anche definitivamente tolto dal mercato dal PSG), e il cui procuratore è lo stesso.

Coulibaly è un giocatore ancora poco noto sulla scena, ma la sua storia è di quelle che emozionano: è arrivato in Italia dal Senegal ad appena 16 anni, dopo un tortuoso viaggio della speranza con altri profughi. Arriva fino a Livorno, dove vive per strada elemosinando, finchè un giorno viene notato il suo talento cristallino mentre gioca a pallone su una spiaggia; ma l’uomo che lo avvicina si rivela essere solo un illusione, e qualcuno gli consiglia di andare a Pescara per realizzare il suo desiderio di giocare a calcio: Mamadou però sbaglia fermata del treno e viene fermato dalla Polizia. Viene accolto in una casa famiglia, dove tutt’ora risiede, e fa vari provini con Roma, Sassuolo, Cesena e Ascoli, fino a quando il sogno si avvera: ha esordito in A il 19 Marzo 2017 in Atalanta- Pescara, e ora ci sono i Campioni d’Italia su di lui.

Condividi