Juventus-Genoa 4-0: pagelle e tabellino

© foto www.imagephotoagency.it

Juventus-Genoa, Serie A 2016/2017, 33ª giornata: cronaca in diretta live con formazioni ufficiali, risultato, pagelle, tabellino e sintesi

Vittoria doveva essere e vittoria è stata per la Juventus che ha strapazzato il Genoa con una prova di grande solidità e di grande qualità. Ai bianconeri sono bastati due minuti, tra il 17′ e il 19′ per sbloccare la gara. Dopo l’uno-due firmato da Munoz (autogol) e Dybala, la strada si è messa in discesa per i bianconeri che hanno giocato in gran scioltezza. Tutto da dimenticare per il Genoa. I rossoblù, mai realmente pericolosi, sono scesi in campo senza mordente, con poca convinzione e troppo arrendevoli. Sono 33 le vittorie casalinghe consecutive per la formazione di Massimiliano Allegri. La Juve vola a +11 sulla Roma, attesa domani dalla sfida con il Pescara. Il Genoa è ora a +6 dal Crotone, terzultimo, e a +1 dall’Empoli.

JUVENTUS-GENOA: CLICCA QUI PER AGGIORNARE

Juventus-Genoa 4-0: pagelle e tabellino

MARCATORI: 17′ aut. Munoz, 18′ Dybala, 41′ Mandzukic, 19′ st Bonucci (J)

JUVENTUS (3-4-1-2) – Neto 6; Barzagli 6, Bonucci 7, Benatia 6; Lichtsteiner 6,5, Khedira 6,5 (24′ st Rincon 6), Marchisio 7 (41′ st Mandragora S.v.), Asamoah 6; Dybala 7,5; Higuain 6, Mandzukic 7,5 (37′ st Sturaro S.v.). In panchina: Audero, Del Favero, Dani Alves, Rugani, Chiellini, Alex Sandro, Lemina, Mattiello, Cuadrado. Allenatore: Allegri

GENOA (3-4-3) – Lamanna 5,5; Munoz 5, Burdisso 4,5 (22′ st Biraschi 5,5), Gentiletti 5; Lazovic 5 (41′ st Hiljemark S.v.), Cataldi 5, Miguel Veloso 4, Laxalt 5 (3’ st Beghetto 5); Ntcham 6, Simeone 5,5, Palladino 5. In panchina: Zima, Faccioli, Brivio, Orban, Cofie, Ninkovic, Pellegri, Pandev. Allenatore: Juric

ARBITRO: Calvarese della sezione di Teramo

NOTE: AMMONITI: Burdisso (G)

JUVENTUS – IL MIGLIORE

MANDZUKIC 7,5 – Il suo gol, quello del 3 a 0, è l’emblema della sua straordinaria stagione: recupera palla vicino alla bandierina della sua area di rigore, fa ripartire l’azione, si invola per 50 metri palla al piede, crossa, e poi approfitta della ribattuta della difesa genoana per tornare al gol (non segnava dalla trasferta di Crotone, da febbraio).

JUVENTUS – IL MIGLIORE

DYBALA 7,5 – Grandissima gara per la Joya. Dispensa magie in ogni zona del campo e trova un altro gol in casa, il 17esimo in stagione. L’attaccante è in un gran momento e lo dimostra anche oggi: quando parte palla al piede è letteralmente imprendibile!

GENOA – IL MIGLIORE

NTCHAM 6 – L’unico a salvarsi dalla disfatta. E’ l’unico a provarci con un pizzico di convinzione tanto che a volte dà l’impressione di predicare nel deserto. Svaria tra il centrocampo e la trequarti creando qualche grattacapo alla difesa juventina.

GENOA – IL PEGGIORE

VELOSO 4 – Affonda inesorabilmente insieme a tutti i suoi compagni. Tira i remi in barca troppo presto e la formazione di Juric crolla sotto le giocate di Dybala e sotto i colpi del centrocampo bianconero che stravincono il duello con il portoghese e con Cataldi. Prova da dimenticare per l’esperto centrocampista.

Juventus-Genoa: diretta live e sintesi

SINTESI SECONDO TEMPO – La partita aveva poco da dire e in alcuni tratti si è sfiorata l’accademia. La Juventus ha dilagato, trovando il 3 a 0 e sfiorando il 5 a 0 in almeno tre occasioni (tre i legni colpiti dai bianconeri). Vittoria schiacciante per la Juve che ha avuto la meglio sui rossoblù, arrivati a Torino con poca convinzione. Buona la prova di Dybala e Mandzukic, da rivedere il secondo tempo del Pipita che si salva per il buon primo tempo disputato. Nel Genoa da segnalare le insufficienze pesanti per Veloso e Burdisso.

45’+3 – Non accade nulla: la Juve batte il Genoa 3 a 0 e vola a +11 dalla Roma.

45′ – Tre minuti di recupero.

41′ – Terzo e ultimo cambio per Allegri: dentro Mandragora, altro ex, esordio in bianconero per lui, fuori Marchisio. Terzo e ultimo cambio anche nel Genoa: fuori Lazovic, dentro Hiljemark.

38′ – Grande giocata di Dybala che salta Veloso e conclude con il mancino a giro, palla fuori di poco.

37′ – Secondo cambio per la Juventus: fuori Mandzukic, standing ovation per lui, dentro Sturaro, un altro ex.

31′ – Terzo palo in pochi minuti per la Juventus: conclusione dal limite di Asamoah, palla che scheggia il legno alla sinistra di Lamanna.

25′ – Doppio legno colpito dalla Juventus: prima Marchisio con il sinistro colpisce la traversa, sulla respinta Higuain colpisce il palo.

24′ – Primo cambio per Allegri: dentro Khedira, dentro l’ex Rincon.

22′ – Secondo cambio nel Genoa: fuori Burdisso, dentro Biraschi.

19′ – Poker della Juvntus: discesa di Bonucci che arriva in area e beffa Lamanna con un gran destro da fuori area.

16′ – La Juventus controlla la gara, il Genoa, come nel primo tempo, fatica ad uscire.

8′ – Gol annullato alla Juve: Bonucci aveva realizzato il 4-0, annullato per fallo di Lichtsteiner e Mandzukic in area.

3′ – Sostituzione per il Genoa: fuori Laxalt, dentro Beghetto.

2′ – Colpo di testa di Simeone su calcio di punizione di Veloso, palla alta.

1′ – Inizia la ripresa. Si riparte dal 3-0 per la Juve e con gli stessi 22 del primo tempo.

Squadre in campo. Tra poco l’inizio del secondo tempo.

SINTESI PRIMO TEMPO – La Juventus rischia dopo 4 minuti ma poi alza il ritmo e in due minuti trova 2 gol che mettono a sicuro il match e permettono ai bianconeri di controllare in scioltezza e senza grossi patemi d’animo la sfida. La Juve, in gran forma psico-fisica ha poi trovato il tris con Mandzukic, infierendo su un Genoa troppo arrendevole e troppo fragile. Il pari con la Lazio aveva fatto intravedere una luce che si è nuovamente spenta allo Stadium.

45′ – Duplice fischio finale: Juventus 3 Genoa 0.

44′ – Conclusione dalla lunga distanza di Veloso parata senza difficoltà da Neto.

41′ – Tris della Juventus: gran gol di Mandzukic che prima mette il cross al centro, respinto, poi di prima intenzione, da posizione defilata, lascia partire un destro imprendibile che si insacca alla sinistra dell’incolpevole Lamanna.

35′ – Conclusione di Higuain dai 20 metri, buona respinta di Lamanna.

34′ – Entrata in ritardo di Burdisso su Mandzukic: cartellino giallo per il difensore rossoblù.

32′ – Ancora Ntcham da fuori area, palla alta.

31′ – Conclusione dalla lunga distanza di Ntcham, palla deviata in angolo. Nulla di fatto dalla bandierina.

27 – La Juventus fa girare il pallone, il Genoa non riesce ad alzare il ritmo e fatica a rubare palla ai bianconeri.

18′ – Raddoppio della Juventus: ottimo lavoro di Higuain, palla a Dybala che triangola con Khedira e lascia partire un tiro imprendibile sul primo palo che vale il 2 a 0 per i bianconeri.

17′- Juventus in vantaggio: pennellata di Higuain per Marchisio che non controlla bene ma il pallone arriva su Munoz che non reagisce in tempo e toccando con il ginocchio spedisce la palla alle spalle di Lamanna.

15′ – Lampo di Dybala: conclusione a giro da oltre 20 metri, palla fuori di poco.

7′ – Risponde la Juventus: calcio di punizione laterale di Dybala, colpo di testa di Higuain, palla a lato.

4′ – Occasione per il Genoa: Bonucci scivola e permette a Simeone di involarsi verso la porta ma la conclusione dell’argentino non trova lo specchio.

1′ – Fischio d’inizio di Calvarese: è iniziata la sfida tra Juventus e Genoa.

Un minuto di silenzio per ricordare il ciclista Michele Scarponi, scomparso ieri.

Le squadre stanno entrando in campo.

Manca poco al fischio d’inizio di JuventusGenoa, posticipo domenicale della 33ª giornata di Serie A. Tra pochi minuti al via la diretta live con tutti gli aggiornamenti su Juventus-Genoa. I bianconeri faranno a meno di Miralem Pjanic, squalificato, e di Marko Pjaca, out fino a fine stagione per un problema al crociato. I rossoblù invece faranno a meno degli squalificati Mauricio Pinilla, Luca Rigoni ed Armando Izzo, quest’ultimo squalificato per calcioscommesse. Indisponibili per infortuni invece Rubinho (edema muscolare) e Mattia Perin (rottura del legamento crociato, out fino a fine stagione), ma anche Morosini e Taarabt, fermati nelle ultime ore da alcuni problemi fisici. Allegri torna all’antica e sceglie la difesa a tre rinunciando a Cuadrado, in panchina, ma anche a Buffon, nemmeno convocato. In avanti Dybala, Higuain e Mandzukic. Tutto confermato invece nel Genoa con Juric che sceglie Cataldi in mezzo al campo al fianco di Miguel Veloso, Ntcham, Simeone e Palladino in avanti.

JUVENTUS (3-4-3) – Neto; Barzagli, Bonucci, Benatia; Lichtsteiner, Khedira, Marchisio, Asamoah; Dybala, Higuain, Mandzukic. In panchina: Audero, Del Favero, Dani Alves, Rugani, Chiellini, Alex Sandro, Lemina, Sturaro, Rincon, Mattiello, Mandragora, Cuadrado. Allenatore: Allegri

GENOA (3-5-2) – Lamanna; Munoz, Burdisso, Gentilleti; Lazovic, Cataldi, Miguel Veloso, Ntcham, Laxalt; Simeone, Palladino. In panchina: Zima, Faccioli, Brivio, Biraschi, Orban, Beghetto, Cofie, Hiljemark, Ninkovic, Pellegri, Pandev. Allenatore: Juric

ARBITRO: Calvarese della sezione di Teramo

Juventus-Genoa: probabili formazioni e prepartita

Queste le parole di Beppe Marotta a pochi minuti dall’inizio di Juventus-Genoa :«Higuain e il problema in Champions? Sono situazioni che competono al tecnico, io da dirigente dico che a Barcellona ha fatto una grande partita, mettendosi a disposizione della squadra. E’ un attaccante moderno, si sacrifica per la squadra: la valutazione deve essere fatta complessivamente, le sue prestazioni con noi sono assolutamente positive. Come migliorare questa squadra? Bisogna dare grande merito a questo gruppo, con il tecnico e i collaboratori ed anche alla rosa. Non è facile migliorare, non ci sono tanti giocatori che possono indossare questa maglia. Questo gruppo ci dà soddisfazioni e garanzie per il presente e per il futuro. Quale è stata la svolta per Allegri? Ricordando il primo Allegri e gli striscioni che oggi lo inneggiano, questa è la metafora più azzeccata. E’ un bravo allenatore ma anche un grande gestore di gruppo, dosa le presenze dei calciatori anche a seconda delle loro prestazioni. Bentancur? L’effetto mediatico non è stato generato da noi. Abbiamo l’obbligo di monitorare le giovani promesse e cercare di metterle sotto contratto. Verrà qui, resterà con noi e le premesse sono quelle di non considerarlo già un big, dovrà dimostrare con i fatti di essere una realtà».

Massimiliano Allegri dovrebbe punta su Claudio Marchisio dal 1′ minuto: il Principino, in tribuna al Camp Nou, è stato convocato e dovrebbe giocare in coppia con Khedira. Turnover in difesa: Lichtsteiner, Barzagli, Benatia e Asamoah dovrebbero rimpiazzare Dani Alves, Bonucci, Chiellini e Alex Sandro. In avanti un solo dubbio: Lemina è in vantaggio su Cuadrado. Dubbi sul modulo per il Genoa con Juric che potrebbe optare per il 3-5-2 schierando Ntcham da mezzala oppure potrebbe scegliere il 3-4-3 con il francese classe ’96 nei tre d’attacco. In mezzo al campo Cataldi e Veloso. In porta Lamanna.

JUVENTUS (4-2-3-1) – Neto; Lichtsteiner, Barzagli, Benatia, Asamoah; Khedira, Marchisio; Lemina, Dybala, Mandzukic; Higuain. In panchina: Audero, Del Favero, Barzagli, Bonucci, Mattiello, Rugani, Dani Alves, Alex Sandro, Sturaro, Mandragora, Rincon, Cuadrado, Kean. Allenatore: Allegri
GENOA (3-5-2) – Lamanna; Munoz, Burdisso, Gentilleti; Lazovic, Cataldi, Miguel Veloso, Ntcham, Laxalt; Simeone, Palladino. In panchina: Zima, Faccioli, Brivio, Biraschi, Orban, Beghetto, Cofie, Hiljemark, Ninkovic, Pellegri, Pandev. Allenatore: Juric

Queste le parole di Allegri in conferenza stampa alla vigilia del match col Genoa: «La squadra può migliorare ancora nella gestione della palla: su questo bisogna lavorare. Davanti domani giocano i quattro: l’unico dubbio è Cuadrado, devo vedere come sta e valuterò nella giornata di oggi. Occhio al Genoa che all’andata ci ha segnato tre gol in mezzora, Marchisio sta bene e domani sarà in campo, è normale che debba crescere ancora: per tornare nelle migliori condizioni serve circa 1 anno, credo che farà un ottimo finale di stagione. La consapevolezza di poter vincere partite europee di alto livello deve essere fisiologica per la Juventus, stiamo facendo un percorso importante, ma non deve esserci esaltazione. Entusiasmo si, ma piedi per terra. Domani, lo ripeto, sarà una partita che vale lo Scudetto».

Queste le dichiarazioni di Ivan Juric, allenatore del Genoa, intervistato in conferenza stampa alla vigilia del match contro la Juventus, in programma domenica sera allo Juventus Stadium: «Non andiamo allo Juventus Stadium per perdere, sono fiducioso che il Genoa possa fare una buona gara e di certo non andremo lì per perdere. Bisogna essere coraggiosi, è una partita di calcio e sono fiducioso, anche se loro sono favoriti essendo il top d’Italia e d’Europa. Voglio lo stesso atteggiamento e la stessa volontà che ho visto in campo con la Lazio, a Torino servirà una partita coraggiosa».

Juventus-Genoa: i precedenti del match

Sono 49 i precedenti tra Juventus e Genoa. I padroni di casa hanno battuto il Grifone per ben 38 volte mentre 9 volte i genoani hanno strappato un punto in casa della Juve e solo 2 volte hanno portato a casa i 3 punti: la prima il 21/11/1937, finì 1-2, la seconda 20/01/1991, finì 0-1 con il gol di Skuhravy. Sono ben 122 i gol realizzati dai bianconeri, 40 quelli dal Genoa.

Juventus-Genoa: l’arbitro del match

A fischiare la partita sarà Gianpaolo Calvarese di Teramo, che quest’anno ha già arbitrato 14 partite in Serie A ed una in Coppa Italia. Per questa stagione un solo precedente con la Juventus: il 17 febbraio 2017, quando i bianconeri si imposero fuori casa per 0 a 2 contro il Cagliari. Nessun precedente invece col Genoa per quest’anno. In totale Calvarese finora ha estratto sessantasette volte in cartellino giallo in Serie A (con una media di quasi cinque ammonizioni a partita dunque) e due cartellini rossi (uno per somma di ammonizioni) con una media di un’espulsione ogni sette partite. Curiosità: con Calvarese la Juventus non ha mai perso. In sette incontri totali che il fischietto teramano ha arbitro dei bianconeri in carriera, sei sono state le vittorie juventine (e un pareggio). In sei incontri totali che invece Calvarese ha arbitrato del Genoa, i rossoblu sono riusciti ad imporsi una sola volta (nel 2013 contro l’Udinese), mettendo insieme nei restanti incontri due pareggi e tre sconfitte.

Juventus-Genoa Streaming: dove vederla in tv

Le indicazioni per vedere la gara sono al seguente indirizzo: Juventus-Genoa streaming gratis e diretta tv: come vederla. La partita sarà trasmessa dalle ore 20.45 come di consueto, sia sulle frequenze satellitari di Sky Sport, per la precisione sui canali Sky Calcio 1, Sky Sport 1 e Sky Supercalcio (anche in HD), sia ovviamente su quelle in digitale terrestre di Mediaset Premium (canali Premium Sport). Non è tutto, perché Juventus-Genoa andrà ovviamente in onda anche in streaming per piattaforme iOs, Android e Windows Mobile per pc, smartphone e tablet tramite le app Sky Go e Premium Play. Esistono alcune liste di siti aggiornate per poter eventualmente seguire il calcio streaming gratis, ma ricordiamo che ad oggi, dopo la chiusura del sito pirata Rojadirecta, non esiste possibilità legale di seguire una partita in streaming live al di fuori di quelle già indicate poco sopra. La gara potrà essere comunque seguita anche da chi non è dotato di tv o connessione ad internet anche tramite le frequenze radiofoniche di Radio Rai.

Condividi