Juventus, niente festa in Europa: con il Siviglia è 0-0

51
palermo - juventus
© foto www.imagephotoagency.it

Il racconto e il tabellino di Juventus – Siviglia, sfida valida per la prima giornata di Champions League del gruppo H. Le ultimissime

E’ terminata JuventusSiviglia, sfida valida per la prima giornata del gruppo H di Champions League. Allegri ha schierato i suoi con l’ormai consueto 3-5-2 con alcuni cambi rispetto alla sfida di campionato vinta contro il Sassuolo: Barzagli al posto di Benatia, Dani Alves per Lichtsteiner, Asamoah al posto di Pjanic ed Evra per Alex Sandro. In avanti Dybala e Higuain. Sampaoli ha scelto il 4-3-3 con N’Zonzi, Iborra e Kranevitter in mediana e con Sarabia, Vazquez e Vitolo in attacco. Panchina per Vietto.

PRIMO TEMPO – Quella tra Juventus e Siviglia non è una partita bellissima dal punto di vista delle occasioni ma è una partita bloccata, molto tattica. I bianconeri non sono scesi in campo con la stessa aggressività messa in campo sabato contro il Sassuolo ma hanno comunque avuto in mano il pallino del gioco. Sampaoli ha bloccato ogni rifornimento a Higuain e Dybala giocando con Vazquez a uomo su Bonucci, il vero regista bianconero. All’8’ Dybala serve in profondità Khedira che entra in area ma il suo diagonale, da posizione favorevole, leggermente decentrata, non inquadra la porta. E’ Khedira l’uomo più in forma e più pericoloso dei bianconeri. Il tedesco al 15’ si presenta da solo davanti a Rico, protegge la palla dal ritorno di Escudero ma il difensore del Siviglia riesce comunque ad esercitare una notevole pressione nei confronti del numero 6 juventino e a impedire a Khedira di calciare in porta con forza. Al 30’ Rico sbaglia il rinvio, Bonucci serve Higuain che di petto apparecchia il pallone per Dybala ma l’estremo difensore del Siviglia, in uscita disperata, riesce a sbrogliare la situazione. Succede poco o nulla negli ultimi 15 minuti del primo tempo con la Juve che non riesce ad infrangere il muro andaluso e con la formazione di Sampaoli che non si affaccia mai dalle parti di Buffon.

SECONDO TEMPO – Nessun cambio ad inizio ripresa per i due allenatori. Il copione della partita, fino al 58’, rispecchia quello degli ultimi quindici minuti della prima frazione con le due squadre bloccate e poco efficaci in attacco. Al 59’ Dani Alves ha spazio sulla destra e pennella un cross perfetto che finisce sulla testa di Higuain, il Pipita batte Rico ma il pallone sbatte sulla traversa. Sampaoli manda in campo l’ex sampdoriano Correa che dopo pochi minuti mette in difficoltà Chiellini con la sua vivacità ma la sua conclusione non inquadra lo specchio della porta. Al 68’ Dani Alves, ben imbeccato da Khedira, arriva sul fondo e mette al centro un interessante pallone rasoterra per Dybala ma il numero 21 è anticipato sul più bello dal portiere Rico. Allegri decide che è il momento di cambiare qualcosa e inserisce due degli esclusi eccellenti, Pjanic e Alex Sandro, per Asamoah ed Evra. All’81’ Pjanic vince un contrasto e mette al centro, decisivo l’anticipo di Pareja su Higuain con il Pipita che già pregustava il tap-in. Allegri getta nella mischia Pjaca che a pochi minuti dal termine reclama un calcio di rigore per un presunto fallo di Vazquez. Al 91′ l’occasione buona capita sulla testa di Alex Sandro ma Sergio Rico si allunga e devia, impedendo al brasiliano di festeggiare il gol che avrebbe regalato il vantaggio alla Juve.

L’ANALISI – Esordio in Europa da rivedere per la Juventus. I bianconeri non hanno mai rischiato ma non sono riusciti a trovare la giocata giusta per imbeccare Dybala e Higuain e per superare la resistenza del Siviglia che è venuto a Torino per portare un punto a casa ed è riuscito nel suo intento.

LE PAGELLE

IL TABELLINO

Marcatori:

Note: Ammoniti: N’Zonzi, Iborra, Rami (S)

Arbitro: Aytekin (GER)

JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Dani Alves, Khedira, Lemina, Asamoah (68’ Pjanic), Evra (68’ Alex Sandro); Dybala (86’ Pjaca), Higuain. A disposizione: Neto, Benatia, Cuadrado, Mandzukic. Allenatore: Allegri.

SIVIGLIA (4-3-3): Rico; Mercado, Rami, Pareja, Escudero; N’Zonzi, Iborra, Kranevitter (78’ Mariano); Vitolo, Vazquez (91′ Carriço), Sarabia (64’ Correa). A disposizione: Sirigu, Vietto, Kiyotake, Ganso. Allenatore: Sampaoli.

Antonio Parrotto
Giornalista sportivo. Non vendo sogni ma solide news. E anche panini, birre e patatine.
Condividi
Articolo precedente
mourinho manchester unitedMan United, Mourinho: «Vinceremo l’EL, anche se…»
Prossimo articolo
juventus - siviglia: le pagelleJuventus – Siviglia: le pagelle