Keita-Lazio, incontro in vista: due ipotesi. Il Milan anticipa la Juve così…

keita lazio
© foto www.imagephotoagency.it

Keita e la Lazio: ultimo incontro per il rinnovo di contratto o per dirsi addio. I biancocelesti offrono un aumento, ma l’importante sarà non perderlo almeno a zero. Il Milan prova ad anticipare la Juventus

Keita-Lazio: si attende l’ultimo incontro. In un caso o nell’altro l’attaccante biancoceleste, ben presto, dovrebbe vedere la dirigenza. In ballo c’è sempre la questione del rinnovo del suo contratto (in scadenza la prossima stagione), ma non solo. Come noto per Keita Baldé ci sarebbe un’offerta dal Milan, che avrebbe già messo le mani sul compagno di squadra Lucas Biglia (le ultime: Milan-Biglia, è fatta!) e dalla Juventus. La questione di calciomercato è bollente: la Lazio punta al rilancio per il rinnovo di Keita e, dopo i tantissimi attriti col suo agente, Roberto Calenda, potrebbe esserci uno spiraglio. Al momento il piano A del presidente della Lazio Claudio Lotito è quello di tenere il senegalese. Può non riuscirci però, ecco perché il piano B è quello di venderlo a una cifra concordata. L’intenzione è insomma quella di tenere o vendere Keita, ma di non perderlo la prossima stagione a parametro zero.

Keita-Lazio: ultimo incontro, il Milan pressa

Al momento Keita è valutato circa 30 milioni di euro. Lotito offrirebbe al giocatore un rinnovo con cifre da top player (2,5 milioni di euro l’anno netti) e clausola rescissoria. Nello specifico, il valore della clausola dovrebbe essere proprio di 30 milioni più o meno. Dall’altro lato bussa il Milan con un’offerta di calciomercato da 40 milioni di euro totali per l’attaccante e Biglia insieme: troppo pochi per la Lazio, che però è ormai alle strette. L’altra alternativa, più credibile, è quella della Juve, prioritaria per il giocatore stesso. Qualora non dovesse arrivare per Keita nell’ultimo incontro l’accordo per il rinnovo con la Lazio, sarà cessione. I biancocelesti sperano di incassare almeno i soldi richiesti (ma è dura), ma l’importante è non perderlo a zero.

Condividi