Lazio, Parolo: «I calciatori che allenano sono matti»

86
lazio parolo
© foto www.imagephotoagency.it

Stasera la Lazio farà visita al Napoli nell’anticipo di Serie A, nel frattempo Marco Parolo chiarisce bene cosa non farà dopo il suo ritiro

Ultimo impegno di campionato per la Lazio prima della sosta forzata per le Nazionali. Marco Parolo, ai microfoni de La Repubblica, più che al match contro il Napoli in programma stasera, pensa al presente della sua squadra e butta un occhio al futuro. Curiose le sue parole a proposito delle sue personali prospettive: «Alla Lazio possiamo aprire un ciclo, a prescindere dai calciatori che andranno via o arriveranno. Vincere qui sarebbe unico. Dopo il calcio giocato non farò l’allenatore. Per me i calciatori che al termine di 15-16 passati in questo mondo si mettono ad allenare, sono un po’ matti»
IL MATCH DI STASERA – Al San Paolo, calcio d’inizio alle 20.45, i biancocelesti arriveranno forti di un punto e di una posizione di vantaggio sugli azzurri. Il pronostico non è dalla loro parte, per questo Simone Inzaghi studia una Lazio umile: probabile un 3-5-2 che ha spiazzato spesso Sarri in questa stagione, con Felipe Anderson sacrificato in fascia. Davanti il tandem esplosivo Immobile-Keità. La risposta del tecnico toscano sarà invece il solito 4-3-3: l’ultimo dubbio riguarda il ruolo di attaccante, falso o non falso nueve?

Condividi